L’M1 Garand non delude su Warzone; meno bene invece l’STG44, i giocatori: “buffatelo, il rinculo è ingestibile”

L’M1 Garand non delude su Warzone; meno bene invece l’STG44, i giocatori: “buffatelo, il rinculo è ingestibile”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Dopo due giorni di permanenza delle nuove armi di Vanguard su Call of Duty Warzone, è giunto il momento di fare le dovute valutazioni rispetto sia all’M1 Garand, sia ovviamente all’AR STG44.

Ricordiamo che entrambe queste armi sono presenti da pochissime ore tra le ricompense del battle pass, in quattro differenti blueprint sbloccabili gratuitamente avanzando tra i vari tier di questa nuova sesta stagione (abbiamo approfondito l’argomento in uno speciale dedicato, lo troverete qui), l’ultima prima della definitiva introduzione delle nuove armi e della nuova mappa a tema seconda guerra mondiale.

Al momento, l’STG44 è certamente l’arma in cui è più facile imbattersi, merito soprattutto del fatto che si potrà ottenere già al livello 24 del battle pass, mentre l’M1 Garand sarà disponibile solamente 10 livelli dopo (al tier 34, ndr). Abbiamo scritto “soprattutto”, perchè non vi sono altri validi motivi per i quali l’STG44 sarebbe più giocato dato che, senza alcun dubbio, questo AR è di gran lunga il peggiore delle uniche due armi di Vanguard presenti in BR.

L’STG44 si è scoperto essere un fucile molto difficile da gestire, dotato di una buona dose di danni (le sue statistiche sono molto simili a quelle dell’AK47) ma di un rinculo veramente “selvaggio”. In fase di sparo, l’STG ha bisogno di 5/7 colpi per killare un nemico a distanza ravvicinata, e di 6/8 colpi per mandare a terra…dei numeri non troppo performanti, che peggiorano nel momento in cui si inizia a tenere in considerazione il rinculo, che a tratti è talmente forte da sembrare quasi innaturale.

Molti giocatori hanno iniziato a lamentarsi con gli sviluppatori sulla questione, chiedendo un buff al recoil (e quindi una diminuzione dello stesso) per avere un’arma più stabile. Sulla cosa si è anche espresso Jgod, che ha però spiegato che il problema potrebbe anche solo ricondursi al blueprint specifico, con l’STG44 che diventerà molto più competitivo con i giusti allegati, una volta che Vanguard sbarcherà su Warzone.

Per l’M1 Garand vi è invece una situazione leggermente diversa, con il fucile tattico che in alcuni casi ha già preso in close range il posto del DMR14. In un video recentemente pubblicato su You Tube da Booya si può infatti vedere come l’arma se la cavi benissimo negli scontri ravvicinati, godendo di un TTK davvero fenomenale quando si riesce a mettere a referto un doppio headshot.

Anche in questo caso il rinculo è notevole, ma è molto più pesante il rinculo che si “vede” rispetto a quello che realmente agisce sui nostri colpi…il fucile, pur mostrando delle “impennate” della canna assolutamente importanti, tiene il bersaglio a tiro con una certa precisione, garantendo quindi una competitività davvero notevole quando si spara a distanze inferiori ai 30/40 metri.

Il video di Booya sull’M1 Garand

Voi cosa ne pensate community? Avete avuto la possibilità di provare una di queste due armi? Fateci sapere nei commenti cosa ne pensate…la discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Warzone: ecco tutte le sfide SEGRETE (e le ricompense) dell’Operazione Monarch!

Warzone: ecco tutte le sfide SEGRETE (e le ricompense) dell’Operazione Monarch!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Sfide Monarch – Oltre ad essere un’ottima “palestra” dove livellare velocemente le armi, la nuova Operazione Monarch può anche rivelarsi un’utile dispensatrice di oggetti bonus e ricompense.

Molte delle sfide sono già note, e sono anche semplicissime da completare. Pensiamo ad esempio alle semplici “infliggi danni”, che si risolveranno con 135K danni sia su Kong che su Godzilla, e che ci garantiranno due Emblemi leggendari.

Anche il semplice giocare l’Operazione Monarch per 6 ore vi garantirà una ricompensa, il Charm Epico Ancestral Skull, mentre molto meno “semplici” saranno alcune delle sfide “segrete”.

Tra queste dovremo ad esempio volare sotto le gambe di Kong, o addirittura anche atterrare con un aereo sulla testa di Godzilla… Ovviamente, per questo tipo di sfide saranno disponibili altrettante ricompense rare ed originali…

Andiamo a vedere i dettagli per accumulare più bottino possibile.

Sfide note dell’Operazione Monarch

Sfide Operazione Monarch  Ricompensa
Gioca Operazione Monarch per 6 ore Charm Epico “Ancestral Skull”
Usa un Killstreak di Kong o Godzilla almeno una volta Charm Raro “Ancient Remains”
Usa un Killstreak di Kong o Godzilla per 3 volte Charm Raro “Monarch Eyes Only”
Infliggi 500.000 danni ai Titani Sticker Raro “Concrete Jungle”
Infliggi 135,000 danni a Kong mentre c’è l’evento Titan Frenzy Emblema Leggendario “Team Godzilla”
Infliggi 135,000 danni a Godzilla mentre c’è l’evento Titan Frenzy Emblema Leggendario “Team Kong”
Colleziona 3000 Monarch Intel Biglietto da visita Epica “Skyline Crasher”
Posizionati in Top15 per almeno 12 volte in Operazione Monarch Spray Epico “One Will Fall”
Completa tutte e 8 le precedenti sfide Progetto arma Ancient Rivalry SVT-40

Sfide Segrete dell’Operazione Monarch (in aggiornamento)

Sfide Segrete Operazione Monarch Ricompense
Ottieni 3 uccisioni con un coltello da lancio fiammeggiante Biglietto da visita “Mountain Dew Godzilla”
Vola sotto le gambe di Kong Biglietto da visita “Gravitational Phenomenon”
Atterra con un aeroplano sulla testa di Godzilla Biglietto da visita “Grudge Match”
Infliggi danni extra a King Kong Biglietto da visita “Ants Among a King”
Infliggi danni extra a Godzilla Spray Island Guardian
Sottometti King Kong durante l’evento Titan Frenzy Weapon Charm “Titan S.C.R.E.A.M.”
Infliggi più danni di tutti durante un evento Titan Frenzy Weapon Charm “Skull Crawler”
Arriva primo in una partita di Operazione Monarch Titolo giocatore “Titanus Kong” e “Titanus Gojira”

Quali di queste sfide avete già risolto community? E soprattutto, quali altre sfide “segrete” avete scoperto che non sono ancora presenti in lista?

La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Warzone, IceMan mostra perchè il Jak12 è il più temuto in close range

Warzone, IceMan mostra perchè il Jak12 è il più temuto in close range

Profilo di Stak
 WhatsApp

Warzone JAK12 & altre – Il celebre IceManIsaac, attraverso un nuovo ed interessante video, ha mostrato quanta consistenza può avere il Jak12 in close range anche su Caldera

Come abbiamo ripetutamente ribadito, il JAK12 è indiscutibilmente l’arma migliore da usare in close range al momento. Questa considerazione si basa sul fatto che, sempre al momento, lo shotgun JAK12 è l’arma con il TTK più basso in assoluto.

Ovviamente si tratta di un fucile a pompa, un tipo di arma che non piace ad un’importante fetta di giocatori. Questa è la principale ragione per la quale, pur essendo un “laser”, quest’arma non troppa troppo spazio all’interno della scena di Warzone.

Oltre a questa versione, e sempre in ottica “armi sottovalutate o sconosciute”, andiamo poi a vedere anche una versione del BAR, ed una del VOLK. La classe relativa al BAR è stata proposta dal fortissimo Metaphor, e rilancia in modo molto concreto questo AR tra le varie opzioni a disposizione dei giocatori.

Si tratta di un fucile molto particolare, con una cadenza di tiro che la rende più “lenta” ma anche incredibilmente precisa. Usandola vi sembrerà quasi di giocare con un DMR.

Infine, andiamo a consigliare anche un VOLK perfetto per gli scontri ravvicinati, un’arma certamente “originale” con cui affrontare i nemici in close range.

Warzone – Loadout per JAK12 – BAR – VOLK Close range

Loadout consigliato da IceManISaac per JAK12
Loadout consigliato per VOLK Close Range
Loadout consigliato da Metaphor per BAR Long Range

Cosa ne pensate di queste versioni community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

TUTTI CHEATER adesso su Warzone, secondo Dr Disrespect Warzone 2 dovrà modificare qualcosa

TUTTI CHEATER adesso su Warzone, secondo Dr Disrespect Warzone 2 dovrà modificare qualcosa

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Durante una recente diretta streaming, il noto professionista di Call of Duty, Dr Disrespect, si è abbattuto su Raven ed il lavoro svolto fino ad ora su Warzone (ed in futuro su Warzone 2), soprattutto per quanti riguarda i CHEATER, consigliando di operare qualche modifica per il prossimo titolo della serie.

Non è certo un segreto che Call of Duty, come d’altronde qualsiasi altro titolo Battle Royale, abbia negli ultimi anni subito un certo impoverimento della scena professionistica. Questo, secondo alcuni, sarebbe in parte imputabile alla maggiore incidenza di CHEATER nelle partite di alto livello.

Questo fenomeno ha infatti portato un certo alone di diffidenza nei confronti della scena professionistica, fino ad arrivare al punto in cui la differenza tra l’essere davvero bravi a giocare e fare uso di software terzi per ottenere un vantaggio sugli avversari, non è più così marcata.

CHEATER su Warzone in crescita – Per il Doc Warzone 2 dovrà cambiare qualcosa

Come anticipato, ecco l’intervento del Doc riguardo l’attuale situazione dei CHEATER su Warzone: ”Sembra come se tutti avessero le hack, ogni singola volta che gioco a Warzone sembrano tutti CHEATER, anche se non lo sono in realtà questa è la sensazione che provo in questo c***o di gioco ora come ora”.

”Tra aim-assist e altre robe la sensazione è diventata davvero pessima. Questo da unire al fatto che ormai gli scarsi hanno abbandonato, non ci giocano più a Warzone, quelli rimasti sono tutti ”PRO” . A meno che non riesca ad entrare in uno di quei server in Sud America, nel resto del mondo ci sono solo vecchi lupi.”

”Non so quello che stiano facendo con Warzone 2, ma spero che al comando delle operazioni ci siano o Infinity Ward o Treyarch, perchè Raven non è decisamente all’altezza secondo me. Non lo è mai stata. Bisogno riguardare a tutti i pro ed i contro della Verdansk originale, mettere insieme i feedback tornare alla basi.” (in realtà già sappiamo che sarà proprio Infinity a dirigere i lavori).

Cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: