warzone squid game

La febbre da “Squid Game” arriva anche su Warzone…e intanto DrDisRespect chiede delle skin “iconic” in un ipotetico “influencer bundle”

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Warzone Squid Game e Skin – Tutto quello che riguarda le skin ed i modelli operatore disponibili su Call of Duty Warzone genera sempre molto interesse tra i giocatori del Battle Royale…la personalizzazione di un account è una delle principali caratteristiche a cui tanti player guardano, ed il fatto che ogni singolo giocatore possa scegliere tra decine e decine (se non centinaia) di diverse skin è un qualcosa che in modo costante genera discussioni ed apprezzamenti sui social più frequentati.

In questo caso sull’argomento si è fiondato DrDisRespect, che nel corso di una sua recente diretta streaming ha dichiarato che avrebbe molto piacere nel vedere introdotte su Warzone delle skin “iconic” similari a quelle già in uso sul noto Fortnite, titolo di Epic Games da sempre “competitor” del BR Activision.

Su Fortnite abbiamo ad esempio visto le skin di Lebron James o Ariana Grande, delle skin quindi che riproducono fedelmente importanti personaggi di spicco del mondo dell’intrattenimento e li catapultano all’interno dell’azione di gioco.

Anche se su Warzone abbiamo già visto qualcosa di simile (pensiamo ad esempio alla skin dedicata a Rovazzi, o a quella di MARA ispirata alla nota cosplayer e streamer Alex Zedra) secondo il DOC bisognerebbe sviluppare molto di più questi contenuti, sfornando più spesso modelli direttamente ispirati agli streamer.

DrDisRespect ha infatti specificatamente proposto l’inserimento di un bundle dedicato agli streamer, in cui inserire ad esempio una skin ispirata al suo personaggio, a quello di TimTheTatman o Nickmercs. Il Doc ha anche citato TFUE come uno dei potenziali “personaggi” da inserire nel bundle, con il noto streamer che ha poi fatto una battuta descrivendo la potenziale skin di TFUE come un modello “biondo con i pantaloncini rosa e che guida una TESLA“.

A prescindere dalla battuta del DOC, si tratta certamente di un argomento interessante, su  cui in futuro Activision potrebbe anche decidere di investire.

E proprio in merito al futuro, ed a quelle che potrebbero certamente essere le skin più apprezzate/popolari del gioco, in questi ultimi giorni non sono mancati i numerosi accostamenti che i player hanno fatto tra Warzone e la celebre serie coreana targata Netflix “Squid Game“.

Nella serie (un vero e proprio fenomeno globale, se non sapete di cosa stiamo parlando ne hanno parlato QUI i nostri colleghi della sezione di Serie TV e Film), vi sono infatti i soldati contraddistinti dal triangolo sul casco che potrebbero essere dei perfetti protagonisti all’interno di Warzone.

Questi soldati, armati di MP5 e pistola a tamburo, accompagnano con la loro innaturale freddezza lo spettatore nell’arco di tutti gli episodi, sempre chiamati a fare il lavoro più sporco di tutti gli “Squid Game”.

Come nella popolare serie, i primi “triangle soldier” di Warzone, pur non disponendo dell’ormai amatissima tuta monocolore, si armano di un MP5 e di una rivoltella, che ovviamente non poteva non mancare tra i loadout disponibili nel nostro data base…eccolo di seguito, solo per chi intenzionato a confermare kill con incredibile classe:

Loadout “Squid Game” MP5 + Magnum

Cosa ne pensate community? Vi piacerebbe un “influencer bundle” dedicato agli streamer più famosi di Warzone? E invece riguardo la questione degli Squid Game…vi unireste anche voi tra i soldati dei giochi in un eventuale crossover su Verdansk?

La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 


La febbre da “Squid Game” arriva anche su Warzone…e intanto DrDisRespect chiede delle skin “iconic” in un ipotetico “influencer bundle”
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701