La “Best Female” di Warzone NADIA sotto accusa dopo il COD NEXT

La “Best Female” di Warzone NADIA sotto accusa dopo il COD NEXT

Profilo di Stak
 WhatsApp

La recente apparizione della celebre streamer Nadia al COD Next, ha generato moltissime polemiche all’interno della community, con tante nuove accuse di cheating rivolte verso la “Top Female” di Warzone.

Come per tanti altri streamer di successo, anche Nadia ha ricevuto il suo invito speciale per provare in anteprima Modern Warfare 2 e Warzone 2.0. Nel corso della diretta sono però avvenuti alcuni episodi che sono diventati immediatamente virali sul web, e che puntavano a colpire direttamente la streamer.

Il primo “fatto”, si è consumato quando Nadia andava a concludere un deathmatch a squadre in multiplayer con l’infelice score di 4 kill e ben 16 morti… Un punteggio certamente basso per una professionista del suo livello.

Questo risultato ha spinto molti a credere che Nadia non fosse altro che una cheater, una giocatrice impossibilitata a sfruttare i suoi “soliti aiuti” perchè si trovava in live in un evento ufficiale. L’altro “importante” episodio si è consumato poco dopo, quando alla streamer (nel bel mezzo della diretta) è stato chiesto da un officer di Activision di alzarsi dalla postazione dove stava giocando e di seguirla.

Molti hater hanno quindi utilizzato il primo fatto come “prova” che la streamer fosse una semplice imbrogliona, ed il secondo sempre come “prova” della “tirata d’orecchie a Nadia” da parte di Activision… Nulla di più sbagliato e contorto…

Nadia replica alle accuse: non sono una cheater di Warzone

La streamer si è impegnata per sgretolare le accuse mosse da questi giocatori sui social, ed ha scelto di intervenire mediante un video.

In questo, Nadia spiega prima di ogni altra cosa che nella famosa partita del 4/16 aveva svariati problemi audio oltre che grafici (in particolare con il FOV). La stessa ha assicurato che nel corso di tutta la sfida ha avuto un tecnico di Activision vicino che l’assisteva.

Effettivamente, nelle partite successive Nadia si è poi ripresa a livello di statistiche, ed è anche riuscita a mettere a referto degli score molto buoni. Sicuramente non abbiamo visto la Nadia dei record di Warzone, ma in un evento del genere in live, dove tra l’altro sono presenti solamente esperti e professionisti della scena, non è sempre facile confermare le performance che si ottengono tra le mura di casa.

Come abbiamo più volte detto in passato… Un conto è chiudere con una performance da brividi dalla comodità della propria poltrona, tutt’altro è invece riuscire a confermare queste performance nel tipico “caos” da evento live, dovendo gestire emozioni mai provate prima e sangue freddo.

Anche la questione relativa all’officer che interrompe la sua diretta è stata comunque facilmente spiegata: Nadia ha infatti reso disponibile la traccia audio originale, dove si può distintamente sentire l’officer che chiede alla streamer di alzarsi per un’intervista.

Nadia fa anche una battuta all’officer, chiedendole “per caso sono nei guai?“, con l’officer che del tutto stupita si slancia in una serie di rassicurazioni nei confronti di Nadia. Nessuna “tirata d’orecchie” quindi, o tanto meno nessun movimento strano dei devs per qualche problema relativo all’integrità sportiva.

Il video dal COD NEXT

Al netto di quanto visto durante il COD NEXT, sono davvero pochi gli argomenti e le tesi che in questo momento sostengono la “disonestà” della streamer. Dal canto suo, Nadia ha già annunciato che da oggi in avanti la sua mentalità sarà quella di ridere di qualsiasi accusa futura e di continuare a fare ciò che ama.

In merito ha affermato: “So che c’è stato molto odio e che diverse persone hanno cercato di far girare materiale per accusarmi di qualcosa, ma dobbiamo semplicemente ignorarle e andare avanti“.

Nadia si rivolge ai suoi haters: “non cheatto. Siete solo ragazzini fragili”

Nadia si rivolge ai suoi haters: “non cheatto. Siete solo ragazzini fragili”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Nadia & Haters – L’ormai popolarissima streamer di Warzone Nadia torna su uno degli argomenti più caldi di queste ultime settimane, rispondendo a tono a chi continua a mettere in dubbio la sua integrità sportiva.

Come certamente ricorderete, il “caso Nadia” è scoppiato con tutta la sua forza poco dopo il COD Next, evento live a cui Nadia era stata invitata. Le prestazioni non eccelse della statunitense, e soprattutto una fake news montata ad arte riguardo ad un suo ban (assolutamente falso) hanno spinto moltissimi giocatori a scagliarsi contro Nadia, accusata di essere nient’altro che una cheater.

Al momento tuttavia, non c’è neanche il più benché minimo indizio o prova riguardo al fatto che Nadia sia una cheater, ed anzi da diversi giorni tra gli esperti è iniziata a circolare un’altra e molto più realistica teoria: quello che Nadia sta facendo, è tutta una gigantesca operazione di marketing.

Spingere gli utenti a credere che si stia imbrogliando, salvo poi correggere tutti dimostrando, video alla mano, di essere una giocatrice Legit al 100% viene vista da svariati celebri personaggi della scena come una mossa “geniale” per far crescere la  popolarità di Nadia.

Ne è ad esempio convinto il noto Ninja, ed anche l’esperto Kyborg è dello stesso avviso (qui il video in cui Ky “analizza” tutte le clip di Nadia).

Nadia replica agli haters: “siete ragazzini fragili, non sopportate che una donna sia meglio di voi” 

Nonostante questo continuano a piovere in direzione della streamer numerose e feroci critiche, al punto che la stessa ha infine deciso di intervenire.

Su Twitter la streamer è cosi intervenuta: “*BREAKING NEWS* In realtà non uso i cheat. Quindi per tutti voi fragili ragazzini che non accettate che una donna siete semplicemente migliore di voi, è tempo di affrontare la realtà: siete solo m****“.

Parole durissime, che certamente non contribuiranno a far diminuire il livello di flame tra “hater” e “difensori” di Nadia.

Voi cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook – Instagram)

Articoli correlati: 

Fonte copertina: Instagram Nadia

Modern Warfare 2: trovato il modo per ricaricare lo Sprint! Il “Bunny Hop” sostituirà lo Slide Cancel?

Modern Warfare 2: trovato il modo per ricaricare lo Sprint! Il “Bunny Hop” sostituirà lo Slide Cancel?

Profilo di Stak
 WhatsApp

Modern Warfare & Bunny Hop – Con una mossa per molti inaspettata, i devs di Infinity Ward hanno deciso di limitare in modo sostanziale la presenza dello Slide Cancel nel prossimo Modern Warfare 2. Lo Slide Cancel, lo ricordiamo, è una funzione di movimento che se spammata, garantisce il rapido ripristino dello scatto tattico.

Avete un personaggio che corre per la maggior parte del tempo con lo Scatto Tattico rappresenta un chiaro vantaggio: muoversi più velocemente rende più complicata la fase di mira per i nostri avversari, e ci permette di prendere alla sprovvista i giocatori più “lenti”.

Per un giocatore che si vuole impegnare in competitivo, lo slide cancel è stato quindi fino ad oggi “imprescindibile“.

Con la sua rimozione (anche se non è stato del tutto rimosso, semplicemente è molto più “macchinoso” attivarlo) i devs sperano di proporre un gameplay più lento e meno esasperato, ma alcuni esperti potrebbero aver già trovato una soluzione.

Sembra infatti che per garantirsi uno Scatto Tattico costante e prolungato non si deve obbligatoriamente passare dalla specialità “Double Time“… Basterà solamente alternare gli Scatti tattici con dei movimenti in bunny hop (salto del coniglio, ndr) per avere perennemente carico lo Sprint.

Come funziona il Bunny Hop su Modern Warfare 2? 

Per chi non lo sapesse, per bunny hop di intende il doppio salto laterale che anticipa l’apertura del fuoco sui nemici. Andiamo a vedere un video che ci mostra chiaramente come funziona il Bunny Hop:

Non sappiamo ancora se prima del rilascio ufficiale del 28 Ottobre verrà “fixato” questo glitch, o se per il momento resterà cosi come si presenta oggi. I devs non si sono ancora espressi sulla “scoperta”, ma ci sembra abbastanza chiaro che questa va in netta controtendenza rispetto a quanto desiderato dai devs con la rimozione dello Slide Cancel.

Ricordiamo che MW2 e Warzone 2.0 condividono lo stesso engine, di conseguenza, se una funzione è presente nel primo sarà certamente replicabile anche nel secondo.

Voi cosa ne pensate community? Conoscevate il trucchetto del bunny hop? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Al via la guerra ai cheater su MW2; Giocatori ugualmente preoccupati: “reportare gli hacker sarà molto più difficile”

Al via la guerra ai cheater su MW2; Giocatori ugualmente preoccupati: “reportare gli hacker sarà molto più difficile”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Dopo le prime “avvisaglie” della scorsa settimana, giungono finalmente notizie riguardo ai cheater già presenti nella beta di Modern Warfare 2.

I devs di Infinity Ward lo scorso weekend hanno infatti annunciato che nel corso della giornata odierna avrebbero avviato una serie di misure atte a colpire gli imbroglioni che al momento popolano le lobby.

Questo potrebbe voler dire che sino ad oggi la beta era totalmente “sprovvista di difese” per combattere i cheater, e che invece con l’inizio della nuova settimana assisteremo ad un intervento diretto del’anti-cheat Ricochet.

Non sappiamo ancora in cosa consisteranno questa serie di azioni contro i cheater, ma monitoreremo la situazione per riportare ogni eventuale aggiornamento. Qui di seguito il post in questione di Infinity Ward, nel quale vengono anche annunciati miglioramenti in arrivo all’interfaccia utente:

I giocatori preoccupati per il futuro di Warzone 2.0: “reportare sarà più difficile”

Nel corso delle ultime ore numerosi giocatori hanno iniziato a richiedere una modifica ai devs di Infinity, riguardo alla celebre meccanica della Kill Cam. Come avrete sicuramente notato, la nuova kill cam ci mostra il nostro avversario in terza persona, una novità che è stata accolta con grande entusiasmo dai giocatori.

L’iniziale entusiasmo ha poi però progressivamente lasciato spazio alle perplessità, con numerosi esperti che hanno iniziato a chiedere “senza la kill cam in prima persona, come faremo a scoprire eventuali “cheater“?

Proprio per questo, i giocatori su Reddit hanno chiesto ad Infinity quanto meno di rendere disponibili entrambe le visuali in Kill Cam… In questo modo si andrebbe a consentire, all’occorrenza, di osservare i movimenti di un player sospetto direttamente dalla sua visuale.

Voi cosa ne pensate community? Siete preoccupati da questa modifica alle kill cam? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook – Instagram)

Articoli correlati: