Il sensore del battito cardiaco è ancora utile su Warzone? Facciamo il punto sui migliori equipaggiamenti

Il sensore del battito cardiaco è ancora utile su Warzone? Facciamo il punto sui migliori equipaggiamenti

Profilo di Stak
 WhatsApp

Per moltissimi mesi il Sensore del Battito Cardiaco è stato un “must have” su Warzone, un accessorio a cui (quasi) tutti si sono affidati, almeno una volta tra Verdansk, Rebirth e Caldera.

Oggi la situazione pare nettamente cambiata, con il sensore che ha perso moltissimo del suo smalto.

A livello di statistiche, il Sensore non è cambiato di una virgola, e continua a funzionare in modo efficace oggi come 6 mesi fa. Ma allora quale è il problema, e perché dovremmo sostituire il sensore dalle nostre classi? Perchè al momento la concorrenza è troppo migliore, specialmente da quando è stato potenziato il perk “Restock“.

Come noto il “nuovo” Restock ricarica il nostro equipaggiamento in pochi istanti. Di fatto questo perk assicura ai giocatori che lo utilizzano un costante afflusso di granate e siringhe Stim, visto che gli equipaggiamenti diventano sostanzialmente “infiniti”.

Grazie a questo cambiamento, equipaggiamenti come la Stim, o la granata Stun (anche questa potenziata, visto che ora rallenta i nemici per più tempo) sono ora incredibilmente migliori. Bisogna solamente trovare il modo per inserire il perk Restock nel secondo slot della classe.

Un altro equipaggiamento che diventa clamorosamente “OP” è poi la granata localizzante. Questo item rivela la posizione esatta (non ci sono limiti di “altezza” che la granata può rivelare) di tutti i giocatori nel raggio di 25 metri dalla sua esplosione.

Di fatto questa granata di assicura la visione chiara e ad infrarossi di un cilindro verticale alto centinaia di metri.

Secondo l’esperto Jgod, avere le granate localizzanti ed il Restock assicura una specie di mini UAV perenne per tutto il team, un vantaggio che certamente il Sensore non può pareggiare.

E se non si gioca il perk Restock? Con cosa sostituire il sensore su Warzone: 

Premesso che il Sensore è comunque un valido supporto, specialmente per chi è alle prime armi, è indubbio che al momento c’è sicuramente di meglio, anche senza Restock.

Scegliere di giocare le Stun o le Stim ad esempio, ci garantirà dei vantaggi che andranno ad incidere direttamente sul nostro K/D. Come?

Le Stun ci serviranno sul piatto d’argento le kill doppie o triple dei team avversari, visto che non saranno poche le situazioni in cui andremo a stunnare contemporaneamente più giocatori.

I dati mostrati da JGOD ci rivelano che il Sensore, pur essendo il più usato, è l’equipaggiamento con uno dei più bassi K/D della classifica. Molto meglio le granate localizzanti, con 1.05 di K/D, ed addirittura 4.10 alle vittorie (il più alto in assoluto). 

Le Stim al contrario agiscono più come “ultima difesa”, e possono salvarci la vita in un elevatissimo numero di scontri.

Certamente non secondario è poi anche l’uso che si può fare delle stim in fase offensiva, ma questo è un aspetto che dipende più dalle abilità del singolo player.

Warzone – Il video di JGOD sul sensore

Cosa ne pensate di queste valutazioni community? Proverete un equipaggiamento diverso rispetto al solito sensore del battito cardiaco? E se si, verso quale tattica vi orienterete? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Warzone: Metaphor imbraccia nuovamente il GALLO SA12; in Close Range letale anche l’AMAX

Warzone: Metaphor imbraccia nuovamente il GALLO SA12; in Close Range letale anche l’AMAX

Profilo di Stak
 WhatsApp

Warzone Gallo & Amax – Benvenuti in questo nuovo speciale dedicato alle migliori armi viste in azione nel meta di Call of Duty Warzone.

Le versioni di cui vi parleremo di seguito sono assolutamente “uniche”, delle armi poco giocate e molto “originali”, che nonostante tutto godono dell’approvazione di due tra i più noti professionisti della scena. Il primo è il nuovo shotgun proposto dal fortissimo Metaphor.

Tra i più stimati player del fronte “mouse&tastiera“, Metaphor è rimasto recentemente di sasso davanti alla performance del Gallo Sa12.

Il Gallo ha fatto la storia di Warzone ai tempi di Black Ops, e per numerose settimane è stato uno dei fucili più difficili da fronteggiare a distanza ravvicinata.

Oggi il Gallo torna in splendida forma con una versione forte, precisa, ed estremamente divertente da giocare.

Insieme a questa andiamo poi anche a vedere l’altra versione “originale” dello speciale…

Stiamo parlando del CR-56 Amax giocato dal noto Booya (da poco trasferitosi nella nuova FaZe House da milioni e milioni di Dollari), in una versione che però predilige gli scontri combattuti a media ed a breve distanza.

Andiamo a vederle entrambe, con la speranza che possano essere di vostro interesse per le prossime sessioni di gioco su Caldera e Rebirth.

Loadout per Gallo e Amax – Warzone

Loadout consigliato da Metaphor per GalloSA12
Loadout consigliato da Booya per CR56 Amax Close Range
Loadout consigliato da Chuckper MP40

Cosa ne pensate di queste due versioni community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Hope sgancia la bomba: “su Warzone 2/MW2 skin scambiabili e non solo”

Hope sgancia la bomba: “su Warzone 2/MW2 skin scambiabili e non solo”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Skin Warzone 2 – Una delle notizie forse più attese della storia del franchise di Call of Duty sta rapidamente prendendo forma stando alle ultime dichiarazioni del celebre Hope.

Hope, conosciuto anche come TheGhostOfHope, è un noto leaker di Call of Duty, da tempo impegnato nell’anticipare i devs di Activision sui contenuti in arrivo con il prossimo titolo.

Secondo Hope, il prossimo Modern Warfare sarà assolutamente provvisto di una forma di “scambio” degli oggetti posseduti nel proprio account, una sorta di “mercato” che ci permetterà di scambiare, ma forse anche di vendere, alcuni contenuti in nostro possesso.

Lo stesso Hope ha esplicitamente parlato di “Skin” e “progetti arma” tra gli oggetti “scambiabili”, ma ha anche accennato a degli altri item che dovrebbero provenire dalla “terza modalità di gioco”.

Come abbiamo accennato anche in precedenza, questa dovrebbe essere una sorta di “Escape From Tarkov” basato su Call of Duty.

Gli stessi devs di Activision hanno però già anticipato che questa mode avrà delle caratteristiche del tutto originali, anche se non si è entrati troppo nel dettaglio.

A quanto pare comunque, DMZ (questo il nome della mode “speciale”) dovrebbe garantirci lo scambio di numerosi oggetti…

Questa cosa, lo ribadiamo, è del tutto nuova nel mondo di Call of Duty. Fino ad oggi infatti, i giocatori hanno sempre posseduto gli oggetti sul proprio account, senza mai poterli scambiare/vendere.

Pur trattandosi di leak, l’affidabilità della fonte ci porta a pensare che questa caratteristica potrebbe davvero sbarcare nel prossimo MW2.

Voi cosa ne pensate community?

Warzone 2, finalmente si parla di Poligono di Tiro per testare armi e loadout

L’idea vi alletta? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Il post sulle skin di MW2/Warzone 2

Articoli correlati: 

Warzone: il Demon Gun Glitch torna a seminare il terrore su Rebirth

Warzone: il Demon Gun Glitch torna a seminare il terrore su Rebirth

Profilo di Stak
 WhatsApp

Dopo mesi e mesi di relativa calma, sembra che il celeberrimo “Demon Gun glitch” sia tornato a seminare vittime sul battle royale Warzone.

All’inizio, questo bug si presentava molto frequentemente su Caldera (ma è sin dai tempi di Verdansk che il “demon gun” non molla la presa sui giocatori). Dopo numerosi interventi e svariate patch, la situazione si è infine risolta con il “blob nero” che non si è più manifestato davanti ai giocatori.

Secondo quanto riferito su Reddit però, il problema si è nuovamente presentato su Rebirth, questa volta in un modo abbastanza singolare.

Mentre prima era la nostra arma a scomporsi in milioni di pixel, in questo caso è decisamente l’arma del nemico ad andare in mille pezzi. Come potrete vedere voi stessi dal video allegato qui in basso (che troverete anche cliccando qui), il blob nero si gonfia fino a coprire tutta la visuale del giocatore, “inghiottendolo” all’interno dei suoi pixel infernali.

Il povero malcapitato viene anche buttato fuori dal gioco, per un crash che è stato ovviamente causato dal Demon Gun Glitch.

Al momento non sono arrivate altre testimonianze che riportino la medesima situazione, e purtroppo sul Trello ufficiale dei devs non abbiamo letto nulla in merito. Non appena saranno disponibili nuovi aggiornamenti, non esiteremo a riportarli prontamente qui su Powned.

Il Demon Gun Glitch (o “blob”) in azione – Warzone

A voi è capitato in questi ultimi giorni di finire nella trappola del Demon Gun Glitch? La discussione, come sempre, si rivede!

Articoli correlati: