Il Pro Huke ammette: “ero sotto effetti di Adderall quando abbiamo vinto il titolo”! Insorge la scena PRO della COD League

Il Pro Huke ammette: “ero sotto effetti di Adderall quando abbiamo vinto il titolo”! Insorge la scena PRO della COD League

Profilo di Stak
 WhatsApp

Adderall COD – Una vera e propria bomba mediatica è da poco esplosa nel bel mezzo della community di Call of Duty, con il celebre pro Cuyler ‘Huke’ Garland che ha rilasciato un lungo video post che sta letteralmente facendo vibrare la COD League fin alle sue fondamenta.

L’ex giocatore dei Dallas Empire, campioni del mondo nel 2020, ha infatti ammesso di aver abusato di Adderall in passato, e che anche la sera della vittoria della finale contro gli Atlanta FaZe aveva preso questo farmaco per migliorare le sue performance.

Per chi non lo sapesse, l’Adderall è un farmaco usato per favorire un elevato livello di attenzione, e non è la prima volta che sentiamo questa parola all’interno della scena esports. L’Adderall è considerato a tutti gli effetti una droga all’interno del circuito, una sostanza dopante che altera (e migliora) i normali livelli di attenzione favorendo, specialmente in uno sparatutto, una migliore coordinazione cervello, occhio, mano.

Va da se che per tutte le maggiori organizzazioni del mondo l’uso di Adderall è tassativamente proibito, anche se non vi è mai stata una particolare attenzione nel monitorare che effettivamente nessuno ne abusasse. Ecco quindi che a mesi di distanza dalla celebrazione dei campioni del mondo, non essendoci mai stati dei controlli anti-doping (non si parla di controlli più o meno severi…i pro affermano che controlli non ce ne sono proprio, e fin dal giorno 0), si scopre che almeno uno dei giocatori della finale era dopato e stava “ultraperformando”, molto probabilmente anche oltre le sue normali capacità.

Sull’argomento Adderall: 

Huke sembra poi che abbia anche dovuto soffrire tante delle controindicazioni rispetto all’uso di questo farmaco, e difatti negli ultimi mesi si è velocemente diffusa nella scena una voce secondo la quale il ragazzo sarebbe stato intrattabile e spesso nervoso, e che dietro queste ragioni vi sarebbe il motivo dell’allontanamento del giocatore dai Dallas Empire.

Dopo la vittoria del mondiale Dallas ha infatti messo in panchina Huke, e li lo ha lasciato fino a quando, lo scorso Aprile, il player non è stato acquistato dai 100 Thieves. Oggi la dirigenza degli Empire è anche intervenuta per spiegare che non sarebbe l’abuso di Adderall, o lo stato psicofisico di Huke, il motivo che li ha spinti a svincolare il professionista, ma che tutto sarebbe invece riconducibile ad una scelta tecnica, per la quale, visto che con Huke non si stava più progredendo, il team aveva bisogno di alcuni cambiamenti.

Il post hastr0 dei Dallas Empire

Ora Huke si sta preparando ad affrontare le nuove partite della COD League (domani la prossima sfida dei 100 Thieves), e sono stati moltissimi i fan ed i suoi colleghi ad avergli manifestato tutto il supporto possibile per aver ammesso di avere un problema.

Il video di Huke sull’abuso di Adderall mentre giocava su COD

Dall’altra parte però, numerosi altri professionisti hanno commentato molto duramente l’episodio, sottolineando che questo problema non solo non è ancora stato risolto, ma mai nemmeno affrontato.

Cosi come i cheaters, che imbrogliano modificando il software, gli utilizzatori di Adderall imbrogliano andando a dopare le loro performance fisiche, e questo è gravissimo.
Ancor più grave è però che non vi sia alcun valido deterrente che possa indurre questi giovanissimi ragazzini a non mandarsi il pappa il cervello, uno su tutti un valido e fisso controllo anti-doping, come ogni altra disciplina competitiva esistente prevede.

I post dei pro della scena sull’argomento

Voi cosa ne pensate community?
La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Dal PlayStation Store: “sul prossimo Modern Warfare 2 si parla di visore VR”

Dal PlayStation Store: “sul prossimo Modern Warfare 2 si parla di visore VR”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Modern Warfare VR – Una notizia clamorosa quella giunta pochi minuti fa direttamente dallo store di PlayStation.

Dai file trovati dai dataminer è infatti comparso un avviso di sicurezza relativo ai visori per la realtà virtuale. Si tratta ovviamente di un “leak”, di una informazione che non è ancora ufficiale o in alcun modo confermata.

La cosa interessante però, è che controllando gli altri titoli presenti sul PlayStation Store, è stato notato che nessuno di questi ha la voce sulla sicurezza con questa tipologia di dispositivi.

Questo ha portato gli esperti a convincersi della reale concretezza della questione “Modern Warfare 2 e VR“.

La voce relativa ai dispositivi VR è rintracciabile nella sezione  “Health / Ratings / Privacy / Terms”, dove un avviso raccomanda di utilizzare il VR (su COD, anche se non è esplicitato) in modo “sicuro”.

Quale motivo ci sarebbe di inserire questa voce, se non fosse assodata la possibilità di utilizzo del VR sul nuovo COD? Nessuno secondo il nostro punto di vista.

Questo vuol dire che avremo il VR sul prossimo Call of Duty? 

E’ a questo punto molto probabile, considerando anche la precedente esperienza maturata da Call of Duty con i dispositivi VR.

Come molti di voi ricorderanno, nel 2016 era disponibile su Infinite Warfare l’esperienza Jackal Assault, di cui potrete avere un assaggio cliccando qui.

Non ci resta che attendere eventuali novità nei prossimi giorni, ricordandovi che tra l’8 ed il 9 di Giugno dovremmo scoprire una notevole quantità di informazioni sul nuovo MW2.

Restate sintonizzati con noi per non perdervi neanche un aggiornamento!

Articoli correlati: 

Oggi è giorno di Patch su Warzone: stasera saluteremo l’Operazione Monarch. Ecco le novità:

Oggi è giorno di Patch su Warzone: stasera saluteremo l’Operazione Monarch. Ecco le novità:

Profilo di Stak
 WhatsApp

Questo pomeriggio, probabilmente già dalle 17, sarà disponibile al download la nuova patch in arrivo con il midseason update su Call of Duty Warzone!

L’importante update relativo alla patch di metà stagione ha già colpito il multiplayer di Vanguard, mentre fra poche ore sarà disponibile anche in battle royale.

Entrambe le mappe di Warzone riceveranno svariati aggiornamenti, mentre sono numerosi anche gli update generali relativi a Perk ed a nuove armi.

Come sempre, dovrebbe essere disponibile anche in questa occasione il pre-download entro poche ore, mentre tra le 18 e le 19 assisteremo all’aggiornamento della playlist sui server live.

Proprio con l’update della playlist scatterà anche “l’inizio” della nuova midseason patch.

Da questo pomeriggio alle 19 sarà quindi “sospesa” l’Operazione Monarch, che non sarà più disponibile in gioco. Nel caso vi dovessero mancare ancora una o più delle sfide della modalità speciale (troverete la lista qui), vi suggeriamo di approfittare di queste ultimissime ore.

Oltre al resto comunque, la nuova patch introdurrà su Warzone i seguenti “update”…

Contenuti in arrivo questa sera su Warzone

Al momento non è chiaro se con la patch seguiranno anche degli interventi di bilanciamento per le armi. Solitamente questi aggiornamenti contengono anche dei piccoli “fix” per le armi migliori/peggiori del lotto, o almeno per alcuni dei loro accessori.

Non appena saranno disponibili le note ufficiali, non esiteremo a riportarle qui su Powned.

Cosa ne pensate di queste novità community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

La gloriosa “Task Force 141” al completo in Modern Warfare 2!

La gloriosa “Task Force 141” al completo in Modern Warfare 2!

Profilo di Stak
 WhatsApp

In mezzo ai numerosi annunci relativi al nuovo Modern Warfare 2, svettano quelli relativi alle conferme di alcuni tra i più amati protagonisti del franchise.

Con il nuovo titolo torneranno infatti in azione tutti i personaggi della celebre Task Force 141, già citata anche nel teaser relativo al nuovo artwork ufficiale di MW2 (qui i dettagli).

Disponibili dal day 1 saranno infatti sia il celebre Simon “Ghost” Riley che il Capitano John Price. Insieme a loro altri due “volti noti” di Call of Duty, l’instancabile Kyle “Gaz” Garrick, e John “Soap” MacTavish.

Come quinto membro iniziale, scopriamo poi il Colonnello Alejandro Vargas, delle truppe speciali messicane. Proprio quest’ultimo personaggio, dovrebbe una volta per tutte “confermare” il tema “guerra ai cartelli della droga” previsto dai leakers per il prossimo MW2.

In questo senso, assume ancor più forza l’ipotesi secondo la quale la prossima mappa di Warzone 2 si ispirerà direttamente alla città Colombiana di Medellin.

La Task Force 141 – Modern Warfare 2 

La Task Force 141 imperversa in grande stile al porto di Long Beach per un debutto letteralmente colossale.

Questa squadra globale, formata da iconici veterani e nuove leggende alle prese con pericolose missioni sotto copertura, è pronta a inaugurare una nuova era di Call of Duty in Modern Warfare® II, disponibile dal 28 ottobre 2022.

Pochi istanti fa, Call of Duty ha svelato nuove e importanti informazioni al porto di Long Beach.

Con una composizione di oltre 8.000 metri quadrati e visibile addirittura dallo spazio, il nuovo capitolo della storica serie è stato svelato in pompa magna.

Nell’arco di 24 ore, una nave gigantesca e carica di container coperti da un telone a tema Modern Warfare II raffigurante l’enigmatico operatore Ghost della Task Force 141 ha attraccato al porto, dove un’altra immagine di MWII ha completato l’immenso puzzle.

Durante queste manovre, un drone ha registrato tutti gli spostamenti della nave svelando i primi importanti dettagli sul gioco, tra cui l’illustrazione che mostra in anteprima i nuovi membri della Task Force 141 e la data d’uscita di Modern Warfare II fissata per il 28 ottobre 2022, come si può vedere nel video disponibile al link qui sopra.

Sono giunte le prime informazioni sui membri chiave della Task Force 141, capitanata da John Price e con elementi quali il sergente “Soap” MacTavish, il sergente Kyle “Gaz” Garrick, il lupo solitario Simon “Ghost” Riley e il colonnello Alejandro Vargas delle forze speciali messicane.

Continua a seguirci, perché questa illustrazione ufficiale non è che il primo passo verso la presentazione definitiva del futuro di Call of Duty. E presto anche tu avrai la possibilità di possedere un pezzo di questa gigantesca opera d’arte e diventare parte della nostra storia.

Ma per il momento, e soprattutto:

In campana!

 

Cosa ne pensate del ritorno di tutti questi storici personaggi? Vi ricordiamo che il gioco sarà definitivamente online tra 5 mesi esatti, il prossimo 28 Ottobre!

Articoli correlati: