perk ghost

Il Perk Ghost non sempre funziona su Warzone

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Nel corso delle ultime ore sono arrivate alla nostra attenzione alcuni interessanti update che riguardano uno dei contenuti di gioco più celebri ed “usati”…il perk Ghost (o Fantasma).

Grazie a questo potenziamento, i giocatori che lo utilizzano godono del grande vantaggio di passare del tutto inosservati ai radar, agli UAV nemici ed anche al sensore del battito cardiaco, dispositivo largamente usato sia su Rebirth Island che su Verdansk.

Già solo con questa semplice introduzione è facile capire quanto il perk Ghost sia fondamentale per camuffare la propria posizione alla maggior parte dei nemici…ma cosa accadrebbe se il perk smettesse di funzionare?

E’ quanto accaduto ad una giocatrice di Warzone, che dopo aver preso il loadout con il perk Fantasma, non è in alcun modo riuscita a nascondere la sua posizione da un avversario che la stava pushando. Osservando il doppio POV (e quindi sfruttando anche la visuale del suo avversario), si può chiaramente notare come sul radar del nemico appaia perfettamente il pallino rosso relativo a Jessie Cooks, ovvero la protagonista di questa clip.

In merito non si sono ancora espressi gli sviluppatori di Activision, anche se sembra abbastanza chiaro che si tratti di un bug o comunque di un qualche tipo di malfunzionamento che non ha permesso al perk di lavorare come avrebbe dovuto.

Ecco il video in questione:

Al momento quindi, è bene avere il doppio dell’attenzione rispetto a prima, anche quando si prende il perk in questione, poiché non è detto che funzioni sempre e comunque al 100%.

Nel caso vi succeda qualcosa di strano, potreste quindi anche escludere eventuali segnalazioni di cheat poiché rischiereste di segnalare non un giocatore che usa i wall hack, ma un giocatore assolutamente onesto che vi ha legittimamente scovato con il suo UAV.

Il TTK migliore di Warzone? Appartiene a due pistole in akimbo: per Swagg questa classe è “impressionante”

Cosa ne pensate community?
La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701