zombie verdansk

Gli zombie invadono superstore, ed i missili nucleari sono ormai in volo sopra Verdansk

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Zombie Verdansk – Come ogni Giovedì da qualche settimana a questa parte, anche in quello di ieri abbiamo visto aumentare il livello del contenimento su Verdansk, che è ora stato elevato fino al 66%.

Gli zombie hanno infatti invaso anche Superstore, prendendo possesso dei magazzini Atlas ormai abbandonati, e da ieri sera ci si può anche imbattere nel fastidiosissimo rumore prodotto dai missili nucleari che sono ormai in volo sopra Verdansk, evidentemente pronti a “colpire” la nostra amata mappa per lasciare il via libera al nuovo contenuto che ci ospiterà per i prossimi mesi.

Proprio in merito ai missili, la maggior parte dei giocatori ha segnalato degli strani (e decisamente invasivi) avvisi di allerta apparsi direttamente sul monitor durante le normali partite in BR, in cui viene raccomandato ai giocatori di “trovare riparo” al più presto (ad esempio nella zona dell’aeroporto è facile imbattersi in questa situazione).

Articoli sulla mappa: 

Alcuni giocatori hanno addirittura assistito allo schianto di alcuni missili in Malloppo, anche se non si sa ancora se la cosa è voluta da Activision o se si tratta di un bug (i missili una volta che toccano il suolo scompaiono, non generando alcuna esplosione).

Il video del missile che si schianta al suolo

Per quanto riguarda il protocollo di contenimento zombie vero e proprio, le autorità locali di Verdansk continuano a negare l’evidenza, e nell’ultimo comunicato (quello in cui si segnala l’aumento del livello di contenimento al 66%) si continua a sottostimare il problema, con affermazioni del tipo “è tutto sotto controllo” o anche “l’aumento al 66% è solo per essere previdenti, perchè il livello non è in realtà cosi grave come sembra”…

Ecco il post pubblicato dalle autorità di Verdansk sul dilagare della pandemia zombie:

MESSAGGIO DAL Vice Comandante [[OMISSIS]] RIGUARDO AL PROTOCOLLO DI CONTENIMENTO

A tutti gli Operatori a Verdansk

Vogliamo assicurarvi personalmente che tutti coloro che ancora combattono per Armistice – la grande Armistice che risorge dalle proprio ceneri come la fenice – possono mettere da parte i tentativi di contenimento per continuare con l’Operazione Taglio netto.

In base ai recenti modelli, la situazione è completamente sotto controllo e attinente al nostro protocollo, e vorremo chiarire le scoperte fatte nelle ultime sei settimane riguardo a questa presunta minaccia “non morta”:

Il comando centrale ha ricevuto moltissimi rapporti dagli operatori sul campo, in particolare nelle ultime 24 ore, che destano preoccupazioni riguardo all’accuratezza dei livello di contaminazione di Verdansk. Vi assicuriamo che la minaccia stimata, e la manifestazione fisica della stessa, continuano ad essere a livelli perfettamente gestibili. Senza un’immagine completa, gli avvistamenti individuali di questa cosiddetta attività “zombi” da parte degli Operatori sul campo continuano ad essere speculativi e aneddotici.

Siamo riuniti al momento di questo messaggio per controllare nuovamente questi dati, ma al momento queste sono le istruzioni:

Abbiamo aggiornati il livello di contaminazione di Verdansk al 66%. Nonostante ciò sembri potenzialmente preoccupante, vi assicuriamo che ciò si riferisce alla presenza di materiali tossici, e non di contaminazione completa. Per quanto le zone di contaminazione attiva, come la BCH4 TV Station la scorsa settimana, presentassero alti livelli di questo materiale, le aree precedenti come il Financial District due settimane fa, sono completamente prive di agenti contaminanti ed è quindi possibile condurre missioni in tutta sicurezza.

Questo aggiornamento al 66% è inoltre in linea con l’allarme contagio emesso dal Sistema di trasmissione di emergenza all’interno del settore occidentale di Verdansk al di sotto dell’area Airport. Stando al comando centrale, sembra che la situazione sia concentrata all’interno dell’ormai abbandonata struttura commerciale Atlas all’interno della regione.

Similarmente alle comunicazioni precedenti, siamo a conoscenza che si sono manifestate numerose forme di questa forza ostile, e vanno neutralizzate immediatamente. Non conferiremo alcun demerito a chi deciderà di evitare la zona, ma vi incoraggiamo a proferire il massimo impegno per contenere la minaccia in quest’area.

Soprattutto, insisto nel assicurarvi che la situazione è completamente sotto controllo.

Quest’anomalia verrà sconfitta, proprio come gli incubi di ottobre, e la dissoluzione di Armistice precedente ad essi. Ancora una volta, uniamo le nostre forze per sgominare questa nuova minaccia, riportando in vita l’alleanza che un tempo ci diede forza.

Non tentennate. Mantenete la posizione.

Vi invitiamo a restare all’erta e a completare la missione.

DA UN OPERATORE SUL CAMPO [[OMISSIS]]: La situazione è veramente [[OMISSIS]]. Se vi stavate chiedendo chi ancora stesse combattendo per Armistice dopo il suo scioglimento, o perlomeno, quali valori incarnasse, usate la giornata di oggi per pianificare la nostra evacuazione.All’istante.

NOTA DA PARTE DEL VICE COMMISSARIO: rimuovere i precedenti errori nelle percentuali e i riferimenti alla data di pubblicazione del modello ormai obsoleto, oltre al linguaggio denigratorio della lettera del Vice Comandante.Da sottoporre nuovamente dopo il meeting odierno riguardo alla terza fase del protocollo di contenimento.Non. Causate. Altro. Panico.

 

Cosa ne pensate community?
La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701