DrDisRespect ancora al veleno: “la campagna PR più scandalosa dei videogame? Sicuramente quella per Ricochet”

DrDisRespect ancora al veleno: “la campagna PR più scandalosa dei videogame? Sicuramente quella per Ricochet”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Il celebre DrDisRespect solitamente non riserva parole troppo lusinghiere nei confronti di Call of Duty, anche se di recente potrebbe essersi finanche superato…

Nel corso di una recente diretta infatti, il 2 Times stava dibattendo con i suoi fan in generale sul mondo dei videogiochi. Il DOC si è ad un certo punto chiesto quale fosse secondo lui il più grande “scandalo” nel mondo delle pubbliche relazioni del settore dei videogiochi.

Ripercorrendo i più di 30 anni che hanno caratterizzato il mondo dei videogiochi di situazioni “scandalose” ne verrebbero in mente diverse… Tra lanci di giochi annunciati e mai portati a termine, progetti annullati senza neanche uno straccio di comunicato stampa e scandali vari, ce ne sarebbero di storie da raccontare tra le varie campagne PR.

Il DOC è però sempre molto ben focalizzato su Activision, e di conseguenza non poteva che affibbiare a Call of Duty l’ingrato “primato”. Secondo lo streamer infatti, la campagna PR peggiore di tutti i tempi è quella relativa al lancio di Ricochet, l’ormai celebre sistema anti-cheat che avrebbe dovuto spazzare via i cheater dal BR Activision.

Ricochet ha effettivamente contribuito a rimuovere molti imbroglioni, ma non è purtroppo ancora riuscito a limitare intensamente il fenomeno del cheating. Il DOC non ha tuttavia spiegato “perchè” dovrebbe essere Ricochet il primo di questa ingrata classifica, ma è facile pensare quale sia la ragione dietro questa “delusione”.

Ricochet ha certamente migliorato la situazione, ma c’è ancora strada da fare

Purtroppo i cheater sono ancora una presenza effettiva all’interno delle lobby di gioco, ma come testimoniato anche da numerosi player che si sono scagliati contro il DOC, la situazione attuale non è certo paragonabile a come si presentavano le lobby un anno fa.

Voi cosa ne pensate community? Pensate che quello di Ricochet sia stato un lancio negativo? Dal nostro punto di vista, rappresenta indubbiamente un “inizio”, da cui si spera si possa arrivare a delle lobby finalmente più pulite e prive di cheater.

Articoli correlati: 

JGOD sui loadout di Warzone: “ecco la mia TOP10 con le classi migliori”!

JGOD sui loadout di Warzone: “ecco la mia TOP10 con le classi migliori”!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Loadout Warzone – Con un nuovo video il celebre analyst di Warzone JGOD ha svelato quali sono le sue armi preferite del momento per il BR!

In particolare, Jgod ha voluto concentrare tutte le sue attenzioni verso quelle che, al momento, sono secondo lui le 10 classi migliori da utilizzare nel meta di Warzone, iniziando ovviamente da quelle della “top4” generale, ovvero le “migliori” tra le migliori a disposizione dei player.

Parlando di “top4”, secondo JGOD al momento le armi su cui puntare sono due SMG e due AR, rispettivamente la Marco5/Armaguerra per il close range, ed il KGM40 e l’STG44 per i tiri a lungo raggio.

Queste non sono le “uniche” armi consigliate dal buon JGOD, visto che nella sua personale Top10 rientrano anche molte altre versioni… Tra queste ad esempio la Sten, la Type100, la Cooper Carbine, la Blixen e l’Automaton in modalità long range.

Andiamo a vedere tutti i dettagli:

Jgod sui loadout di Warzone: ecco le 10 classi migliori al momento

Cosa ne pensate di queste versioni community? Quale userete alla vostra prima sessione di gioco su Warzone?

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

M16, STG44 e BAR le nuove protagoniste del meta di Warzone: i loadout consigliati!

M16, STG44 e BAR le nuove protagoniste del meta di Warzone: i loadout consigliati!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Loadout STG44 e altre – Benvenuti in un nuovo speciale interamente dedicato alle migliori armi e versioni viste in azione su COD Warzone.

In questo update ci focalizzeremo principalmente su alcune delle armi al momento in stato di grazia nel meta del BR Activision, osservando le versioni che alcuni noti pro hanno proposto per ognuna di queste.

Si inizia con l’STG44 di IceManIsaac, versione del celebre AR di Vanguard che pare possa tranquillamente giocarsela per il titolo di “migliori fucile d’assalto” del momento. Secondo IceManIsaac questo singolare loadout sarebbe al momento finanche piàù consigliato del KGM40, altra “stella” del meta attuale delle armi.

Insieme a questa vediamo altre due armi utili per i tiri lunghi, ovvero l’M16 ed il BAR, entrambi in forte ascesa sia su BR che Ritorno (specialmente il primo, che molti ritengono “potenziato” rispetto all’ultima patch).

La prima arma viene in questo caso proposta da WhosImmortal, mentre la versione del BAR è firmata dal celebre Booya. Andiamo a vedere tutte queste versioni:

Loadout consigliati per M16, BAR e STG44

Cosa ne pensate di queste versioni community? Con uno speciale in uscita questa sera, andremo a riportare le considerazioni sul meta di uno dei più importanti esponenti della scena di Call of Duty.

Restate sintonizzati con noi per non perdervi neanche uno speciale!

 

 

Articoli correlati: 

Dev di DEADROP (gioco di Dr Disrespect) prende in giro Activision per aver copiato un’altra skin!

Dev di DEADROP (gioco di Dr Disrespect) prende in giro Activision per aver copiato un’altra skin!

Profilo di Stak
 WhatsApp

A distanza di neanche una settimana dall’imbarazzante situazione che ha visto Activision al centro di durissime accuse di “plagio”, una nuova vicenda rischia di attirare sul publisher di Call of Duty le ire degli utenti.

Qualche giorno fa è stato l’artista Saillin ad accusare per primo Activision di plagio per il nuovo modello Loyal Samoyed.

Questa nuova skin era infatti copia spiccicata di un modello creato proprio dall’artista Saillin. Una volta che le accuse di plagio sono diventate di dominio pubblico, Activision ha scelto di rimuovere il modello in questione dal negozio scusandosi con Saillin per la tragica “svista.

Oggi però sono state lanciate delle nuove accuse, questa volta direttamente da uno sviluppatore di Midnight, società di DrDisRespect che sta sviluppando il nuovo Deadrop. A parlare è Robert Bowling, altrimenti noto come FourZeroTwo, studio head di Midnight Society ed ex sviluppatore di Activision.

In passato infatti, FourZeroTwo è stato Creative Strategist e Community Manager di Infinity Ward, di fatto condividendo un percorso molto simile a quello intrapreso proprio da DrDisRespect (qui ulteriori dettagli).

FourZeroTwo sulla skin Malware: “potevate almeno dargli il mio nome”

Per quanto riguarda le accuse, FourZeroTwo ha preso in giro su Twitter Activision riguardo ad una skin che ricorda moltissimo un modello presente proprio su Deadrop. In particolare, sembra che la skin presente nel Founders Pass di Deadrop sia stata la “base” per creare il modello disponibile su Call of Duty con il Malware Ultra Skin Bundle.

Clicca qui per visualizzare il post su Twitter! 

Al momento non ci sono prove effettive che il modello di Activision sia stato copiato da quello di Deadrop. Proprio FourZeroTwo ha però commentato “almeno la potevate chiamare (riferendosi alla skin, ndr) come me”, chiaro segno che in Midnight Society non devono essere troppo felici della skin del Malware Bundle.

Voi cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: