Warzone, dal “pushatore solitario” al “bot”, quali sono i peggiori “compagni di squadra” di sempre

Warzone, dal “pushatore solitario” al “bot”, quali sono i peggiori “compagni di squadra” di sempre

Profilo di Stak
 WhatsApp

Warzone è principalmente un gioco di squadra. Quella di giocare con altre persone rappresenta una delle basi fondamentali del gioco se non siete degli amanti delle partite in solo, ma non tutti i protagonisti vivono nello stesso modo l’esperienza di gioco…anzi…

Vi sono infinite tipologie di giocatore, che possono essere raggruppati in milioni di diverse categorie in base alle loro preferenze ed al loro stile di gioco… Con questo articolo vogliamo però fare un po’ di chiarezza sulla faccenda, andando quanto meno ad elencare le tipologie di player che ci garantiscono le maggiori incazzature, e perché no anche quel carico di risate fondamentale per la riuscita di una bella serata su Warzone.

In questo primo speciale vogliamo ovviamente partire dalla tipologia probabilmente più celebre/comune…il pushatore solitario.

Per essere un degno rappresentante della categoria pushatore solitario non bisogna per forza avere delle buone medie di uccisioni/morti…tanto è vero che il pushatore solitario finisce nel gulag orientativamente entro i primi 90 secondi di partita.

Il pushatore solitario si lancia su Verdansk alla ricerca di un’arma qualsiasi, solitamente perchè ha terminato i colpi della pistola provando a sparare come un folle nei 7-8 secondi che passano dal momento del lancio a quello dell’atterraggio, INDIVIDUA UN BERSAGLIO, e corre come un pazzo contro di questo (nel farlo ovviamente non avvisa, non parla, nemmeno respira…forse teme che lo possano sentire i nemici chissà…).

Al pushatore solitario non interessa avere solo 30  colpi in canna, li troverà da qualche parte, o morirà con onore. Al pushatore solitario non importa essere sprovvisto di scudi, gli hp della sola vita basteranno, o morirà con onore. Ma soprattutto…al pushatore solitario non interessa che l’azione abbia una strategia, importante è solo l’azione, e/o morirà con onore.

Provare a farli ragionare è un compito inutile quanto auto distruttivo: più proverete a convincere il pushatore della totale illogicità delle sue azioni, più lui si incaponirà per dimostrarvi che è il Messi dei non professionisti di Verdansk.

A prescindere dall’esito di una fight, o dai secondi che passano prima che il pushatore finisca sotto al fuoco di 3 team nemici contemporaneamente, per lui sarà sempre nostra la colpa: “non mi avete seguito…mi avete lasciato solo…SIETE LENTI” esclamerà, e più sarà imbarazzante la figura barbina che avrà fatto, maggiore sarà l’impeto con cui sottolineerà la vostra “lentezza”.

Una sorta di berserker furioso armato di armi automatiche…capite bene che si tratta di una miscela esplosiva…da trattare con moltissima cura.

Come gestire il pushatore solitario? 

Se volete essere degli ottimi strateghi militari dovrete prima conoscere fino in fondo le capacità dei vostri commilitoni. Se uno di questi pusha da solo interi team nemici, muore sbraitando “mi avete lasciato soloooo”, e non distingue la differenza tra 1 solo puntino rosso sul radar e 5, allora si, siete indubbiamente faccia a faccia con un pushatore solitario.

Esiste un unico modo per poter trarre il maggior vantaggio dal vostro uomo…permettendogli di esprimere tutta la sua vocazione (che è morire da protagonista in azioni che potrà poi narrare su Discord, ve lo dico io), e cercando di trarne beneficio. Come? Il vostro pushatore solitario deve diventare un equipaggiamento portatile, e vi spieghiamo come.

warzone
Il momento in cui il pushatore selvaggio esce del tutto pazzo ed inizia a gridare, caricando:

Facendolo lanciare all’assalto come un folle senza equilibrio, potrete in realtà sperare di identificare l’effettiva presenza del nemico, di sapere quanti nemici ci sono nei paraggi, ed al contempo anche di veder finire parte delle munizioni che il nemico dovrà obbligatoriamente dedicare al nostro berserker furioso…

Grazie al sacrificio compiuto da questa sorta di UAV/Granata/Caotico potrete magari preparare un assalto vero e proprio, riuscendo in qualche modo a “sfruttare” tutto il talento del vostro teammate. Fate attenzione però…dovete ricordare che il pushatore solitario è convinto di essere una sorta di incrocio tra Thor e John Wick…se capisce di essere un’esca, si ribellerà.

Gli strateghi più esperti riescono addirittura ad addestrare questi mitologici soldati nel diventare veri e propri arieti con cui sfondare le linee nemiche, senza dover più ricorrere al loro talento solo come esca. Per riuscirci ci vogliono tuttavia settimane di intenso lavoro, possibilmente accompagnato dalla visione di serie TV e film che insegnano e dimostrano che il gioco di squadra paga, sempre, di più.

Nessuno dei pushatori solitari che conosco è mai diventato un ariete purtroppo, e questo è un fatto.

Cosa ne pensate community? Voi quanto avete visto precipitare il K/D per colpa dei pushatori solitari del vostro team? Esprimetevi liberamente, noi vi capiamo, cosi come capiremo ogni vostro epiteto negativo 😉

Con questo concludo il primo capitolo dedicato ai “peggiori compagni di squadra” su Warzone…proseguiremo nel corso dei prossimi giorni con l’uscita del secondo capitolo…se avete dei particolari “tipi” da segnalare, siamo qui a disposizione!

Warzone, segnalazione per i nuovi operatori: “camping” (o camperare) e “cecchino” sono due cose estremamente diverse!

Articoli correlati: 

Warzone: Teep e Zlaner mostrano le loro versioni originali per TYPE100 e STG44!

Warzone: Teep e Zlaner mostrano le loro versioni originali per TYPE100 e STG44!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Warzone Type100 e Stg44 – Benvenuti in un nuovo speciale dedicato alle migliori armi viste in azione nella scena competitiva di COD Warzone.

Oggi ci dedicheremo a due armi estremamente note e giocate, che tuttavia presentano delle versioni decisamente originali.

La prima arma di cui vi vogliamo parlare è la Type100, una delle SMG più forti al momento su Warzone.

In questo caso osserviamo una singolare versione di Type100 sprovvista di accessorio alla canna, un fatto assolutamente singolare che tuttavia abbiamo già riscontrato in passato su Warzone.

La versione proposta appartiene a Zlaner, indiscutibilmente uno dei CC più seguiti ed apprezzati di tutta la scena globale di Warzone.

Warzone, per Teep la STG44 con calcio speciale

L’altra arma “speciale” che vogliamo vedere qui, è poi l’STG44 proposto da Teep, una versione del devastante AR che probabilmente vi coglierà alla sprovvista. Invece di affidarsi al noto calcio VDD Controbilanciato, Teep ha infatti preferito optare sul Konstanz Tattico, accessorio che pare renda l’arma ancor più stabile del normale.

Sui colpi Teep predilige i 50 Gorenko, mentre ieri raccontavamo come, a livello di TTK, siano preferibili i KURZ a tamburo (troverete qui altri dettagli).

Le versioni dello speciale:

Loadout consigliato da Teep per STG44
Loadout consigliato per Type 100 (senza canna) da Zlaner
Loaddout consigliato da S7ormyTV per WELGUN
Loadout consigliato da TimTheTatman per Ripulitore
Loadout consigliato da DiazBiffle per MAC10

Cosa ne pensate di queste versioni community? Fateci sapere la vostra nei commenti in community! La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Modern Warfare/Warzone 2: si parla del ritorno dei PRO PERK, e degli interrogatori ai nemici!

Modern Warfare/Warzone 2: si parla del ritorno dei PRO PERK, e degli interrogatori ai nemici!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Un vero e proprio “effetto colabrodo” quello che negli ultimi giorni pare abbia investito i nuovi Modern Warfare e Warzone 2.

Nelle ultime 72 ore si sono infatti triplicati i leak e le “perdite” relative ai contenuti in arrivo con il prossimo Call of Duty, sempre ad opera degli stessi informatissimi “insider”.

Anche in questa occasione ribadiamo che trattandosi di leak, non è detto che queste informazioni si concretizzino anche nella versione definitiva del gioco.

Potrebbero essere informazioni sbagliate (del tutto, o solamente in parte), o potrebbero anche essere dei contenuti attualmente presenti nell’alpha che verranno poi rimossi in una seconda fase di sviluppo.

Qualunque sia la loro “veridicità”, grazie al lavoro di Tom Henderson oggi veniamo a conoscenza dei seguenti leak:

Introduzione dei PRO PERK

I giocatori più esperti e navigati ricorderanno i PRO Perk del celebre Modern Warfare 2 del 2009. Per chi non li ricordasse, i PRO Perk altro non erano che delle versioni “potenziate” dei perk originali.

Il perk commando ad esempio, nella sua versione base potenziava solamente la distanza dei danni da mischia. Nella sua versione PRO invece, garantiva anche l’immunità totale dai danni da caduta.

Purtroppo non è chiaro se questi perk saranno disponibili direttamente nei loadout, o se potranno essere raccolti come bonus soltanto nelle “fortezze”.

Armature di più livelli 

Sempre da quanto riferito da Henderson, sembra che nel futuro di Warzone/Modern Warfare ci siano anche diverse tipologie di armatura. Vi sarà un’armatura base, una intermedia, ed una di livello massimo.

Interroga un nemico in arrivo anche su Warzone 2

L’ultima preziosissima novità, riguarda poi la funzione per interrogare i nemici. Similarmente a quanto abbiamo visto su Fortnite e su Rainbow Six Siege, sembrano elevate le possibilità che questa funzione sbarchi anche sul BR Activision.

Secondo Henderson, saremo in grado di interrogare un nemico sconfitto per scoprire la posizione esatta dei suoi compagni di team.

Questa azione, sempre che venga aggiunta nella versione definitiva del gioco, durerà diversi secondi (in modo simile al kit dell’autoress) e ci esporrà al fuoco nemico.

Warzone più difficile oggi rispetto all’anno scorso: solo il 10% dei player con più di 1.50 K/D!

Cosa ne pensate di tutte queste potenziali novità? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

DrDisRespect al veleno contro Caldera: “progettata per bambini di 8 anni”

DrDisRespect al veleno contro Caldera: “progettata per bambini di 8 anni”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Caldera – Il celebre DrDisRespect si è nuovamente scagliato contro il battle royale di Activision, annunciando un nuovo “STOP” alle sue dirette streaming su Warzone.

Quello tra il DOC e Warzone è sempre stato un rapporto molto controverso, e lo abbiamo ribadito già in diverse occasioni. In passato, abbiamo più volte anche annunciato “l’abbandono definitivo” del DOC da Warzone, ma questi “stop” si sono sempre trasformati in dei ritorni su Verdansk prima, e su Caldera/Rebirth poi.

Durante la giornata di ieri, nel bel mezzo di una diretta, il DOC ha avuto da ridire sulla mappa “Vanguardiana” di Warzone, Caldera.

Secondo il noto streamer (nonché ex Community Manager di Activision, molti anni fa, ndr), la mappa di Caldera è un fiasco irrecuperabile.

Nel bel mezzo della diretta, il DOC ha iniziato a dire che non gli piace più il tipo di esperienza di gioco su Caldera, e che il tutto sembra stato progettato per “dei bambini di 8 anni“.

“Non streammerò più Caldera” – DrDisRespect

Per questa ragione” ha quindi proseguito DrDisRespect, “smetterò di trasmettere in streaming qualsiasi contenuto legato a Caldera. Ad eccezione del rilascio delle nuove stagioni che è sempre un buon momento per ingaggiare numerose views“.

Parole durissime, che fungono da ennesimo ed ulteriore campanello d’allarme rispetto alla situazione presente su Warzone. Purtroppo però, non sembra che al momento ci siano grandi novità in arrivo sul BR, con i devs ormai quasi totalmente concentrati sul prossimo Modern Warfare 2.

Cosa ne pensate community? Concordate con i duri commenti di DrDisRespect? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: