sten

Booya impressionante in close range con una velocissima STEN

Profilo di Stak
 WhatsApp

Sten – In questo nuovo speciale dedicato alle migliori armi viste in azione all’interno della scena di Call of Duty Warzone andremo a concentrarci su una validissima alternativa alla popolare MP40, che si candida in modo del tutto naturale ad una delle posizioni di vertice del meta close range.

Stiamo parlando in particolare della piccola pistola mitragliatrice di fabbricazione britannica STEN, arma estremamente letale e veloce, capace quindi di garantirci la massima copertura negli scontri ravvicinati.

In questo caso specifico andremo a vedere come ha scelto di giocarla il celebre Booya, uno dei giocatori più esperti della scena globale e streamer in forze al FaZe Clan, da sempre autore di loadout molto solidi ed efficaci con cui lanciarsi in battaglia in br.

La versione dello Sten di questo speciale è stata usata principalmente su Rebirth, dove gli spazi angusti ed il gameplay più frenetico e veloce ne mettono in risalto tutte le qualità, ma può essere anche una scelta ottimale per le sfide su Caldera, visto che l’ottima stabilità la rende pericolosa anche a distanze meno ravvicinate.

Senza ulteriori indugi, andiamo a vedere i dettagli di questa classe, riportando anche il video realizzato dall’autore per l’occasione.

Loadout consigliato da Booya per STEN

Loadout consigliato da Booya per STEN close range

Cosa ne pensate di questa versione community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

warzone shop bug patch

Patch di hotfix su Warzone; e stasera potrebbe esserci il “secondo round”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Patch Warzone – Nel corso della serata di ieri gli sviluppatori di Raven Software hanno pubblicato una prima tornata di hotfix utili a risolvere altrettanti bug di Warzone. Come avevano promesso la scorsa settimana, i devs di Raven hanno avviato una fase di profonda riparazione sul battle royale, e quello di ieri potrebbe essere solamente il “primo round” di hotfix settimanale.

Con l’update di ieri sera sono stati quindi risolti numerosi bug, tra cui quello che stava garantendo i loadout completi ai giocatori rischierati in campo, ed il problema che causava i crash delle partite.

Anche gli shop di gioco sono finiti nel mirino dei devs, come del resto avevamo accennato qualche giorno fa. Con la serie di hotfix di ieri è stato quindi finalmente fixato il problema dei “freeze” del monitor, una volta entrati nel menù delle stazioni d’acquisto.

Infine, tra gli interventi più significativi citiamo il fix al problema che causava il mancato “sgancio” della seconda cassa di equipaggiamento nelle fasi più avanzate delle partite in battle royale.

Andiamo a leggere tutti i dettagli segnalati nel comunicato ufficiale:

Note della patch 26 Gennaio – Warzone

Bug Fixes

  • Fixed collision issues with various elements across Caldera allowing Players to exploit/peek/shoot through them.
  • Fixed an issue causing instability when typing non-ASCII characters (eg: ©, ®, ™, ∅).
  • Fixed an additional issue causing the menu screen to flicker.
  • Fixed an issue allowing Players to respawn via buy back with part of their original Loadout.
  • Fixed an issue causing additional placeholder images to appear in various Store Bundle previews and/or purchases.
  • Fixed an issue causing live matches to crash.
  • Fixed an issue causing Players to fall into a bottomless pit of despair when attempting to take a dip in the pool.
  • Fixed an issue causing the second Loadout Public Event to not occur in core Battle Royale modes.

Xbox improvements

  • Fixed an issue causing instability when pressing the Xbox home button twice while in-game.

Cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

swagg warzone record

Warzone: Swagg e DiazBiffle si prendono il nuovo RECORD DEL MONDO su Caldera!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Record Warzone – Il celebre Swagg, insieme a Biffle, Booya e Doozy, è riuscito a conquistare il nuovo record del mondo per kill ottenute su Caldera!

Il consolidato quartetto è infatti riuscito a concludere una vittoria in BR quartetti accumulando una media di più di 33 kill a testa. Grazie alle 33 kill di Biffle, alle 33 di Booya ed alle 33 di Doozy, a cui si aggiungono le straordinarie 35 kill di Swagg, i 4 sono riusciti a totalizzare ben 134 kill totali!

Certo siamo ancora molto lontani da quelle 162 kill ottenute da Aydan, Almond, ScummN, e Newbz a Verdansk, il 5 Marzo dell’anno scorso, ma è comunque un risultato che fissa un nuovo limite globale alla mappa Caldera.

A margine del risultato, fa molto piacere che tra i protagonisti di questo successo ci sia anche il giovane Biffle. Come noto, DiazBiffle si è infatti recentemente ritrovato coinvolto in una situazione che non gli ha risparmiato dure accuse di cheating.

L’episodio, fortunatamente “chiarito” (troverete qui altri dettagli), deve aver certamente stressato il membro dei Baka Bros, e siamo sicuri che questi risultati aiutano ad “allontanare” tanti brutti pensieri.

 

La “Prova” del record su Warzone

Il record italiano di xClubberx

Vista l’occasione del record raggiunto da Swagg e compagni, siamo lieti di segnalare la grandiosa performance del membro della community italiana xClubberx.

Questo player è infatti riuscito ad abbattere 36 giocatori avversari in Solo Vs Trios, riuscendoci tra l’altro senza venire mai sconfitto. Ecco il video della sua straordinaria prova (troverete il loadout da lui scelto cliccando qui):

Cosa ne pensate di questi risultati community? Quale è stato il vostro miglior risultato ottenuto in quartetti con i vostri compagni di squadra? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

ak47 warzone black

Warzone, Jgod rivela: “le armi di Black Ops migliori di quelle di Vanguard”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Black Ops Warzone – Con un video estremamente interessante che ha lasciato di sasso molti spettatori, Jgod ha svelato la ragione per la quale le armi di Black Ops sarebbero migliori di quelle di Vanguard.

Il discorso è riferito esclusivamente a Warzone, unico terreno di scontro in cui possono coesistere armi di epoche diverse. Ma cerchiamo di andare ad analizzare meglio le considerazioni di Jgod…

Secondo il noto content creator le armi di MW, ma soprattutto quelle di Black Ops, sarebbero più indicate per Caldera a causa della velocità dei proiettili. Come noto ogni arma del gioco è caratterizzata da una particolare “bullet velocity“: maggiore è questa velocità, maggiori saranno i danni inflitti al bersaglio.

Non solo però. Perchè maggiore sarà la velocità, maggiore sarà la precisione dei nostri tiri. Tutto questo è da considerare fondamentale quando si ingaggiano combattimenti a lunghe distanze, dove la velocità dei proiettili può fare la differenza tra una kill ed un tragico “colpo a vuoto”.

Normalmente quando costruisci le tue classi a lungo raggio, la maggior parte delle volte vuoi che la velocità del proiettile sia compresa tra 1.000 e 1.200 m/s“, ha affermato.

Ci sono anche alcune armi che vanno oltre, ma solitamente è questo il dato generale“.

Qualsiasi cosa al di sotto di 900 o intorno a 900 è meno favorevole, e diventa un più difficile da usare. Devi guidare un po’ di più il tuo tiro, e questo rende difficile essere precisi, anche se l’arma ha un rinculo molto basso“.

L’AK47 di Black Ops tra le migliori opzioni di Warzone

Sempre Jgod ha quindi spiegato che armi come il C58 o l’AK47 (ma abbiamo anche visto delle versioni di MW) possono rivelarsi più utili di quelle di Vanguard negli scontri aperti su Caldera, proprio grazie all’elevatissima velocità dei loro proiettili.

Vi ricordiamo che proprio nel corso delle ultime ore abbiamo visto alcune versioni consigliate…di seguito tutti i dettagli:

Loadout consigliato per AK-47 Rebirth/Caldera
Loadout consigliato da TrueGameData per C58
Loadout “Ibrido” Black OPS/Vanguard di Metaphor – AK47+DualBarrel

Una questione certamente interessante, che conferma il già ottimo stato di forma di alcune armi del passato. Voi cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: