Anti-Cheat: Si accende la sfida tra Warzone ed Halo Infinite

Anti-Cheat: Si accende la sfida tra Warzone ed Halo Infinite

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Sebbene l’entrata in scena di Halo Infinite abbia rappresentato una buonissima notizia per migliaia di fan non solo della serie, ma anche più in generale del mondo FPS, in queste due settimane che hanno seguito l’uscita di uno dei titoli più attesi non sono mancate, purtroppo le critiche.

Proprio nelle giornata di ieri vi abbiamo parlato di un eclatante caso di cheating mostrato da un presunto professionista, nel bel mezzo di un importante qualifier internazionale, in diretta su Twitch (CLICCA QUI per accedere all’articolo completo d’approfondimento in merito alla questione).

L’episodio non è passato inosservato in community e moltissimi osservatori internazionali non hanno mancato di cercare di accendere la scintilla della rivalità tra i giocatori di Halo Infinite e quelli di Warzone, altro titolo martoriato in questi mesi dalla piaga dei cheater e degli hacker.

Halo vs Warzone – Twitter accende la sfida tra gli anti-cheat dei due giochi

Secondo la seguitissima pagina Twitter @Anti-Cheat Police Department infatti, la particolare situazione che ha afflitto i giocatori di Warzone, potrebbe presto ripresentarsi anche su altri titoli, uno fra tutti Halo Infinite:

”Questo gioco finirà come Warzone, ma molto peggio. Halo é finalmente riuscito a mettere d’accordo giocatori che non erano da tempo così colpiti da un gioco. Rilasciate client server dedicati alla community e probabilmente avrete il prossimo CS:GO, inoltre la situazione cheating dovrebbe risolversi da sola, aiutandovi ad alleggerire un po’ il peso del tutto.”

Proprio parlando di cheat, alcuni utenti hanno fatto notare quanto Warzone, in questi giorni che precedono il lancio ufficiale e alivello globale del sistema di sicurezza denominato ”Ricochet”, sembri essere più pieno di cheater rispetto al solito. Una situazione al limite del surreale secondo alcuni infuriati utenti che hanno lamentato il tutto sui social dedicati al gioco, postando come mai prima d’ora una enorme quantità di post-sfogo.

”Warzone é il festival dei cheat attualmente” – ha dichiarato un utente – ”Allo stato attuale delle cose sembra proprio che sia gratis cheattarci. hanno proprio smesso di bannare i cheater. Ieri avevo un hacker nel mio team che mi ha detto chiaramente che stava cheattando solo perché tutti gli altri lo facevano.”

Insomma, per ora non è ancora chiara la posizione di Microsoft e 343 Industries in merito alle questioni inerenti il cheating, di certo sappiamo solo che il team sta lavorando senza sosta per migliorare il gioco; mentre per quanto concerne Warzone per esprimersi sarà meglio vedere prima l’effetto di Ricochet sulla problematica.

Insomma, cosa ne pensate? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra opinione con un commento qui sotto, oppure nelle nostre community, alle quali potrete accedere usando i pulsanti qua sotto.

Articoli Correlati:

Nickmercs torna al vertice degli streamer di Warzone su Twitch!

Nickmercs torna al vertice degli streamer di Warzone su Twitch!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Nickmercs #1 – Finalmente pubblici anche i dati relativi agli streamer più visti di Warzone su Twitch nel corso di Luglio 2022!

Come per Giugno, anche a Luglio si registra una leggera flessione delle visualizzazioni, a causa del minore interesse generato dal BR Activision su Twitch. La classifica viene comunque stravolta dall’esplosivo ingresso di Nickmercs in classifica…

Come noto infatti, lo streamer del FaZe Clan ha da poco deciso di impegnarsi nuovamente in delle stream su Warzone, dopo svariati mesi di lontananza dal BR. Anche le ore di stream che lo statunitense ha dedicato a Warzone a Luglio non sono moltissime, ma sono comunque bastate per garantire a Nickmercs quasi 1.400.000 ore visualizzate su Twitch.

Pensate che nonostante le sole “59 ore di stream”, quello di Nickmercs è il risultato migliore del 2022 per uno streamer di Warzone.

Dietro di lui il francese Chowh1, che riesce nell’impresa di accumulare più ore visualizzate di Swagg, terzo seppur con quasi la metà delle dirette di Chowh1.

Nei dati pubblicati da SullyGnome compare anche l’italiano Moonryde, saldamente in Top10 davanti a Jukeyz. Il dato più positivo per il cecchino di San Cesareo è che rispetto ai suoi diretti “concorrenti”, Fifakill e Jukeyz, ha molte meno ore di stream ed un peak di viewers secondo solamente ai primissimi della classifica. 

Top streamer Warzone – Luglio 2022

Streamer Ore visualizzate
NICKMERCS 1,399,243
Chowh1 947,076
Swagg 892,987
HusKerrs 683,588
Aydan 640,746
Symfuhny 635,714
TeePee 613,374
Fifakill 529,372
Moonryde 526,926
Jukeyz 458,883

Cosa ne pensate di questi numeri community? Fatecelo sapere nei commenti in community! La discussione, come sempre, è aperta!

 

 

Articoli correlati: 

Symfuhny controcorrente su Verdansk: “mappa sopravvalutata”

Symfuhny controcorrente su Verdansk: “mappa sopravvalutata”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Con un interessante intervento sul suo canale ufficiale, il celebre streamer Symfuhny ha proposto una chiave di lettura molto diversa rispetto “al solito” su Verdansk. A differenza di una fetta molto importante di giocatori e content creator infatti, Symfuhny ritiene che Verdansk non sia poi questa grande mappa.

Symfuhny ha anche paragonato Caldera a Verdansk, affermando che non gli è poi cosi semplice stabilire quali delle due è la “best mappa BR” di Warzone. Lo streamer ha spiegato: “secondo me Verdansk cattura cosi tanto la nostalgia dei player perché quando la giocammo c’era il lockdown“…

Sulla questione Symfunhy ha quindi proseguito: “Verdansk è stata la perfetta evasione in un momento in cui non potevamo uscire di casa, in cui eravamo eravamo obbligati a stare lontani gli uni dagli altri, e penso che sia questo il motivo per il quale viene ricordata con cosi tanto affetto“.

Secondo Sym quindi il successo di Verdansk non andrebbe ricercato nel suo gameplay o nella sua struttura, ma semplicemente nella data del suo rilascio. Verdansk è stata per molti player un “luogo” in cui “recarsi” per “staccare” dalla pesante quotidianità che ha contraddistinto quei giorni per tutti noi. Da qui la “nostalgia” di cui parla Symfunhy.

“Verdansk è sopravvalutata, Fortune è invece divertentissima!”

In ogni caso, Symfuhny ha anche espresso grande apprezzamento per la nuova Fortune’s Keep, mappa che ritiene “divertentissima”. Non sarebbe quindi affatto favorevole ad un ripristino di Verdansk per la quinta stagione (cosa invece sperata da molteplici giocatori e streamer di Warzone)… E si è solo augurato che la mappa di Warzone 2 nasca sotto una stella diversa.

In merito alla questione ha infatti concluso: “Se parliamo di divertimento puro, pensiamo che Verdansk sia cosi migliore rispetto a Caldera? No. Non voglio scegliere tra le due, penso che siano entrambe un po’ “meh”. Spero invece che la nuova mappa di Warzone 2 sia infuocata”.

Cosa ne pensate di questo punto di vista community? Pensate anche voi che quella per Verdansk sia solamente “nostalgia”? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Le Armi close range migliori di Warzone secondo JGOD

Le Armi close range migliori di Warzone secondo JGOD

Profilo di Stak
 WhatsApp

Con un nuovo speciale su You Tube, il celebre Jgod ha svelato quello che è, dal suo punto di vista, l’attuale meta delle armi di Warzone.

In particolare, Jgod ha preferito dedicarsi alle armi close range ed alle piccole pistole mitragliatrici da usare a distanza ravvicinata, spiegando quali sono al momento quelle preferibili da usare sia in BR che su Ritorno.

Tutto questo considerando ovviamente il fatto che la Blixen, una delle indiscusse protagoniste del meta, ieri sera è stata nuovamente nerfata sia nei suoi danni che nella sua velocità di movimento. Probabilmente l’arma è ancora ottima a livello di performance, ma molti giocatori hanno comunque preferito provare qualcosa di diverso.

Le alternative sono moltissime, e sono tutte assolutamente valide. Purtroppo non c’è più il VLK Rogue tra queste, visto che lo shotgun è stato “brutalizzato” e nerfato al punto da essere sostanzialmente inutile da usare. Nel caso voleste comunque lanciarvi in azione con un fucile a pompa, potreste provare il Canna Liscia da Battaglia, ne abbiamo parlato qui.

Tornando alle piccole SMG, per JGOD quelle che meritano attenzione sono: Armaguerra, Sten, Marco 5, Type 100, Volk (da usare in modalità close range), MP5AS44, PPSH ed AUG, l’ultimo dei quali con la sua versione Modern Warfare.

Ognuna di queste armi è assolutamente da considerare valida e competitiva, in ordine d’importanza dall’Armaguerra sino all’AUG.

Andiamo a vedere le versioni delle armi proposte da JGOD per Warzone: 

Cosa ne pensate di queste versioni community? Quale proverete alla vostra prossima sessione di gioco su Warzone? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: