Anche Drift0r molla Warzone: il “punto di non ritorno”, per molti, è già stato superato

Anche Drift0r molla Warzone: il “punto di non ritorno”, per molti, è già stato superato

Profilo di Stak
 WhatsApp

Un altro nome noto della scena ha annunciato di aver definitivamente abbandonato la nave di “Warzone“, a causa dei numerosi problemi che stanno rovinando centinaia e centinaia di partite del Battle Royale.

Stiamo parlando del celebre Drift0r, popolare youtuber e giocatore professionista di Call of Duty che, attraverso un nuovo video pubblicato sul suo canale, ha voluto esprimere tutto il suo dissenso rispetto al periodo che sta caratterizzando il BR di Activision.

Senza utilizzare mezzi termini, Drift0r ha annunciato che non andrà a produrre ulteriori contenuti legati a Warzone, una decisione presa nel corso delle ultime ore, dopo una nottata di giochi passata a contrastare cheater su cheater (nel video Drift afferma che durante la sua ultima sessione si è imbattuto in almeno 3 cheaters).

Chi gioca a Warzone, cosi come in ogni altro titolo sparatutto/battle royale, sa perfettamente quanto possa essere determinante anche un solo cheater all’interno di una lobby…figurarsi quindi se ve ne sono due o più…la partita andrebbe obbligatoriamente a trasformarsi in un inferno, anche decisamente frustrante.

La cosa sembra ormai sfuggita completamente di mano ad Activision visto che i cheaters sono iniziati a comparire anche nei tornei più importanti (uno su tutti quello organizzato da Twitch) e sembra che, purtroppo, anche diversi “content creator” e streamer del gioco abbiano deciso di passare al “lato oscuro della forza”…un fatto questo abbastanza raro considerato che solitamente i professionisti non mettono a repentaglio la loro carriera e la loro immagine per killare qualche nemico in più.

In generale comunque, non è rincuorante il fatto che i devs non abbiano aggiunto una singola lettera, o parola o post, a questa situazione: non un avviso, non un “community sappiamo dei problemi, ci stiamo lavorando”…niente, silenzio tombale da quel di Activision e Treyarch/Raven Software.

Con questi presupposti appare abbastanza comprensibile che un professionista scelga di sospendere la produzione di contenuti su di un dato titolo, e se a questo aggiungiamo anche i problemi che non riguardano i cheaters ma i bug o i glitch attualmente attivi su Warzone (qualcuno ha detto Stim Glitch?) comprendiamo in modo ancor più semplice il perché di questi “stop”.

Il video di Drift0r su Warzone

La domanda che sorge spontanea in questo momento è cosa stiano facendo in Activision per trovare una soluzione a questa situazione che, molto banalmente, denota una certa superficialità nella manutenzione e nello sviluppo delle soluzioni per Warzone.
Voi cosa ne pensate?

La discussione, come sempre, è aperta!

Fatto in collaborazione con la community FB CALL OF DUTY ITALIA – Fan Community.

Articoli correlati: 

Warzone tornerà a 120 FPS su Xbox Series!

Warzone tornerà a 120 FPS su Xbox Series!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Warzone 120FPs Xbox – Nel corso della serata di ieri è giunto un importante annuncio da parte del dev di Raven Ted Timmins, che certamente farà felici i tantissimi giocatori Xbox di Warzone.

Sembra infatti che gli sviluppatori siano riusciti a trovare un modo per risolvere il bug dei 120hz, che di fatto aveva costretto Activision a misure molto drastiche.

Lo scorso Dicembre venne infatti deciso di “abbassare” a soli 60 FPS il limite disponibile su console Microsoft, una decisione che ovviamente venne accolta tra molte polemiche (legittime) da parte dei player.

Oggi scopriamo però che questa situazione dovrebbe presto concludersi. Gli sviluppatori hanno infatti annunciato che l’update verrà messo online con una patch apposita la prossima settimana.

La patch che renderà nuovamente operative le console a 120hz (e quindi a 120 FPS) sarà già disponibile il prossimo Mercoledì 25 Maggio. Questa stessa patch, lo ricordiamo, è anche la cosiddetta “Mid Season Patch“.

Ecco il post ufficiale che conferma quanto fin qui riportato:

Cosa ne pensate di questa ottima notizia community? Siete pronti per gustarvi nuovamente al meglio la vostra esperienza di gioco su Warzone? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Warzone: Teep e Zlaner mostrano le loro versioni originali per TYPE100 e STG44!

Warzone: Teep e Zlaner mostrano le loro versioni originali per TYPE100 e STG44!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Warzone Type100 e Stg44 – Benvenuti in un nuovo speciale dedicato alle migliori armi viste in azione nella scena competitiva di COD Warzone.

Oggi ci dedicheremo a due armi estremamente note e giocate, che tuttavia presentano delle versioni decisamente originali.

La prima arma di cui vi vogliamo parlare è la Type100, una delle SMG più forti al momento su Warzone.

In questo caso osserviamo una singolare versione di Type100 sprovvista di accessorio alla canna, un fatto assolutamente singolare che tuttavia abbiamo già riscontrato in passato su Warzone.

La versione proposta appartiene a Zlaner, indiscutibilmente uno dei CC più seguiti ed apprezzati di tutta la scena globale di Warzone.

Warzone, per Teep la STG44 con calcio speciale

L’altra arma “speciale” che vogliamo vedere qui, è poi l’STG44 proposto da Teep, una versione del devastante AR che probabilmente vi coglierà alla sprovvista. Invece di affidarsi al noto calcio VDD Controbilanciato, Teep ha infatti preferito optare sul Konstanz Tattico, accessorio che pare renda l’arma ancor più stabile del normale.

Sui colpi Teep predilige i 50 Gorenko, mentre ieri raccontavamo come, a livello di TTK, siano preferibili i KURZ a tamburo (troverete qui altri dettagli).

Le versioni dello speciale:

Loadout consigliato da Teep per STG44
Loadout consigliato per Type 100 (senza canna) da Zlaner
Loaddout consigliato da S7ormyTV per WELGUN
Loadout consigliato da TimTheTatman per Ripulitore
Loadout consigliato da DiazBiffle per MAC10

Cosa ne pensate di queste versioni community? Fateci sapere la vostra nei commenti in community! La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Modern Warfare/Warzone 2: si parla del ritorno dei PRO PERK, e degli interrogatori ai nemici!

Modern Warfare/Warzone 2: si parla del ritorno dei PRO PERK, e degli interrogatori ai nemici!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Un vero e proprio “effetto colabrodo” quello che negli ultimi giorni pare abbia investito i nuovi Modern Warfare e Warzone 2.

Nelle ultime 72 ore si sono infatti triplicati i leak e le “perdite” relative ai contenuti in arrivo con il prossimo Call of Duty, sempre ad opera degli stessi informatissimi “insider”.

Anche in questa occasione ribadiamo che trattandosi di leak, non è detto che queste informazioni si concretizzino anche nella versione definitiva del gioco.

Potrebbero essere informazioni sbagliate (del tutto, o solamente in parte), o potrebbero anche essere dei contenuti attualmente presenti nell’alpha che verranno poi rimossi in una seconda fase di sviluppo.

Qualunque sia la loro “veridicità”, grazie al lavoro di Tom Henderson oggi veniamo a conoscenza dei seguenti leak:

Introduzione dei PRO PERK

I giocatori più esperti e navigati ricorderanno i PRO Perk del celebre Modern Warfare 2 del 2009. Per chi non li ricordasse, i PRO Perk altro non erano che delle versioni “potenziate” dei perk originali.

Il perk commando ad esempio, nella sua versione base potenziava solamente la distanza dei danni da mischia. Nella sua versione PRO invece, garantiva anche l’immunità totale dai danni da caduta.

Purtroppo non è chiaro se questi perk saranno disponibili direttamente nei loadout, o se potranno essere raccolti come bonus soltanto nelle “fortezze”.

Armature di più livelli 

Sempre da quanto riferito da Henderson, sembra che nel futuro di Warzone/Modern Warfare ci siano anche diverse tipologie di armatura. Vi sarà un’armatura base, una intermedia, ed una di livello massimo.

Interroga un nemico in arrivo anche su Warzone 2

L’ultima preziosissima novità, riguarda poi la funzione per interrogare i nemici. Similarmente a quanto abbiamo visto su Fortnite e su Rainbow Six Siege, sembrano elevate le possibilità che questa funzione sbarchi anche sul BR Activision.

Secondo Henderson, saremo in grado di interrogare un nemico sconfitto per scoprire la posizione esatta dei suoi compagni di team.

Questa azione, sempre che venga aggiunta nella versione definitiva del gioco, durerà diversi secondi (in modo simile al kit dell’autoress) e ci esporrà al fuoco nemico.

Warzone più difficile oggi rispetto all’anno scorso: solo il 10% dei player con più di 1.50 K/D!

Cosa ne pensate di tutte queste potenziali novità? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: