anti-cheat warzone

Altra ban wave per i cheaters: 50 mila imbroglioni cacciati da Warzone. Anti-Cheat in arrivo “entro fine anno”

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Warzone Anti-Cheat e BAN – Prosegue incessantemente la “cacciata” degli imbroglioni da Call of Duty Warzone, con gli sviluppatori che nel corso della giornata di ieri hanno fatto sapere di una nuova imponente ondata di ban per tutti i cheaters.

Solamente con l’ultima ban wave sono stati eliminati 50 mila account di imbroglioni vari, che a differenza del recente passato non potranno più accedere all’interno dei giochi Activision. Come noto infatti, con una serie di nuovi aggiornamenti pubblicati a cavallo tra la Season 4 e la Season 5, i devs di Activision hanno implementato dei nuovi strumenti per l’identificazione e l’espulsione dei cheater, tra cui il fatto che tutti questi ultimi ban non vanno a colpire solamente il singolo account, ma l’hardware del giocatore.

In questo modo, ai cheaters è sostanzialmente impedito di potersi creare dei nuovi account con cui venire ad infestare le normali partite in lobby…un fatto senza precedenti per Warzone, che sta certamente contribuendo a “sanificare” il nostro amato battle royale da questi soggetti tossici.

Certo la strada è lunga, e continua ad essere in salita, visto soprattutto l’enorme numero di cheater che ad un certo punto erano presenti su Verdansk, ma i miglioramenti della situazione sono netti ed incontrovertibili, con molti meno cheater che si incontrano lungo il cammino.

E il sistema anti-cheat di Warzone? 

Se da un lato fa molto piacere vedere come gli interventi dei devs stiano effettivamente generando un clima più “pulito” e positivo su Warzone, dall’altro è molto forte l’attesa per il rilascio del sistema anti-cheat…l’ultimo e vero “colpo” che i devs si preparano ad assestare per gli imbroglioni di tutto il mondo.

Il sistema anti-cheat agirà attuando una “selezione all’ingresso”, grazie alla quale sarà ancor più rapido e veloce identificare un imbroglione e buttarlo fuori dal gioco a tempo indeterminato. Una volta che il sistema sarà operativo, è probabile che la popolazione di cheaters venga ridotta a zero nel giro di pochi giorni.

Purtroppo però toccherà aspettare ancora qualche tempo dato che, riportando uno degli ultimi post pubblicati da Activision sull’argomento, il sistema anti-cheat sarà disponibile “entro la fine dell’anno” (later this year, ndr).

Molto probabilmente l’anti-cheat sbarcherà insieme al nuovo titolo di COD, ovvero Vanguard, che proprio nei prossimi giorni sarà indiscusso protagonista nella community grazie all’avvio dell’open beta (troverete qui altri dettagli in merito).

Il post sui nuovi bannati: 

Cosa ne pensate community?
La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701