warzone ttk

Activision vuole aumentare il TTK di tutte le armi: kill più lunghe e “difficili” nel futuro di Warzone?

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Warzone TTK – Con l’importante aggiornamento pubblicato nel corso della serata di ieri, gli sviluppatori di Activision hanno presentato una nuova tornata di bilanciamenti per diverse armi di Warzone, in generale quasi tutti dei nerf che hanno peggiorato le statistiche di alcuni tra i fucili più usati nel meta.

Prima di elencare tutti quelli che erano i cambiamenti scelti, gli sviluppatori hanno però pubblicato un interessante resoconto che ci aiuta a comprendere meglio quelle che sono le volontà del team di Activision per il futuro delle partite di Warzone.

L’intenzione dei devs sembra infatti essere quella di “aumentare il TTK generale delle armi”, rendendo quindi di fatto più difficoltoso il riuscire a mandare a terra un avversario. Se il Time To Kill (O TTK appunto) “aumenta”, vuol dire che cresce il numero di decimi di secondo necessari ad un giocatore per poter sconfiggere un avversario, e che quindi diventa anche più “difficile” riuscire a sconfiggere un avversario.

Allo stesso modo però, sarà più facile riuscire a sopravvivere ad un assalto nemico, ed in generale (sempre secondo quelle che sono le opinioni dei devs) con un aumento del TTK i devs sono sicuri di andare a valorizzare quelle che sono le singole abilità dei giocatori.

Ecco il passaggio delle note della patch in cui ne parlano:

We would like to preface the following Weapon changes by providing you with some insight on our thought process.

There are millions of you, and when we reduce the effectiveness of a weapon, we are bound to make a change to someone’s favorite gun. As players of this game ourselves, it pains us just as much. However, we remain torn. We are the custodians of this game—we make it for you. In the same light, we are charged with maintaining the health and integrity of the game. In some instances, this requires us to reduce the effectiveness of some universally cherished weapons. When we make a change like this, our intent is the promotion of diversity. We believe what makes a game truly engaging is choice. When we diminish that choice, we take away the agency to play the game your way. This can happen when a weapon becomes so effective that simply not utilizing it puts you at a disadvantage.

With that being said, we feel we are close to a ‘balance homeostasis’ where most options are at the very least viable. Which leaves us to address Time to Kill. The following balance changes are part of our ongoing efforts to raise TTK or at least the individual skill required to reach extreme ones. We ask that you consider these changes not as targeted attacks, but rather as part of a larger initiative to raise the skill ceiling.

We want to give you the runway and the platform to show us your epic plays and proudest moments. We hope that journey of mastery brings you as much enjoyment as it does us.

 

Interessante è stato poi anche il chiarimento rispetto al perchè alcune volte i devs decidono di nerfare le armi (vogliono che il gioco sia sempre bilanciato e che nessuno si senta costretto ad usare una data arma per essere estremamente competitivo), che speriamo possa contribuire a gettare dell’acqua sulle accesissime discussioni che in queste ultime ore hanno accompagnato la tornata di bilanciamenti.

Voi cosa ne pensate community?
Secondo voi su Warzone si viene sconfitti (o si manda a terra l’avversario) con troppa facilità?
Vi piacerebbe un Warzone più simile ad Apex Legends da questo punto di vista (quindi un gioco in cui è molto più difficile venire sconfitti, ma è più complicato anche sconfiggere qualcuno)?

La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 


Activision vuole aumentare il TTK di tutte le armi: kill più lunghe e “difficili” nel futuro di Warzone?
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701