warzone killstreaks

Warzone, season 6: Killstreaks e modifiche non annunciate nella patch

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Warzone Killstreaks – Con la sesta stagione del Battle Royale di Call of Duty “Warzone“, abbiamo visto un gran numero di novità introdotte dagli sviluppatori, con alcune di queste che non sono però state “annunciate” attraverso le note della patch ufficiali.

Stiamo quindi parlando di aggiunte e novità che si trovano attualmente su Warzone, ma di cui non abbiamo alcun dettaglio condiviso da Activision. Riportiamo ad esempio il nuovo killstreak che ci permette di tracciare i movimenti del cerchio, o quello altrettanto forte che ci permette di godere, seppur limitatamente, di più perk contemporaneamente.

Questi nuovi contenuti sembrano essere estremamente rari, ma vi sono comunque delle possibilità di scovarli ad esempio visitando il bunker segreto relativo all’easter egg della metro (troverete qui altre informazioni).

Warzone Killstreaks – La fonte

Tra le altre interessanti novità, vi è certamente anche il fatto che ora è possibile trovare i kit di auto rianimazione anche per terra, cosi da permetterci di risparmiare molti soldi durante le nostre partite ufficiali, ed anche alcuni piccoli cambiamenti alla mappa che sono stati recentemente scoperti dai giocatori di Verdansk.

La torre di controllo del traffico aereo ad esempio, ha ricevuto un restyling ai suoi interni che ora sono meno ingombranti, cosi da migliorare l’esperienza di gioco di chi frequenta questi luoghi, mentre camminando per la mappa, soprattutto nei boschi vicino le zone di Lumber e Stadium, diversi giocatori hanno segnalato delle inquietanti risate di un bambino che potrebbero stare ad indicare un prossimo evento a tema Halloween…staremo a vedere di cosa si tratterà.

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701