player più pagati

Tutti di Call of Duty i player più ricchi del 2020: il ranking dei PRO Esport più vincenti dell’anno!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Player più ricchi – Su Forbes è stata da poco pubblicata la classifica dei 30 atleti esports che hanno vinto più soldi nel corso dell’anno competitivo 2020, e la maggior parte di questi sono tutti professionisti attivi nella scena di Call of Duty.

Il ranking è però dominato dal celebre Grandmaster norvegese di scacchi Magnus DrNykterstein Carlsen che giocando online su Chess24 è riuscito a totalizzare più di mezzo milione di Dollari di vincite (510 mila per l’esattezza), finendo a più di 100 mila Dollari di distanza dal secondo del ranking generale.

Dal secondo posto e fino al sesto troviamo poi tutte grandi star del competitivo di Call of Duty, ovvero Clayster, Crimsix, iLLeY, Shotzzy e Huke, che vincono tutti tra i 350 ed i 370 mila Dollari, mentre dietro di loro si piazza un altro noto giocatore di scacchi, lo statunitense Hikaru che riesce a totalizzare, sempre su chess24, poco più di 320 mila Dollari.

Tra il gruppetto di testa dei giocatori di COD e quello degli inseguitori, composto da Cellium, Simp e Priestahh (anche loro tutti giocatori dello sparatutto di Activision), si è invece piazzato PVDDR, professionista brasiliano di Magic: The Gathering Arena che fa suo un bottino di ben 300 mila Dollari.

Si segnala poi la presenza anche di un giocatore di Hearthstone, il campione del mondo Glory, che con la sua vittoria ed i 211 mila Dollari conquistati riesce a chiudere nei pressi della Top20, e di uno di Starcraft 2, il sudcoreano Rogue che chiude con 207 mila Dollari vinti.

Ecco un estratto della classifica completa:

Player più ricchi del 2020

  1. DrNykterstein, 30, Norway (Chess24): $510,587
  2. Clayster, 28, U.S. (Call of Duty): $383,325
  3. Crimsix, 27, U.S. (Call of Duty): $368,200
  4. iLLeY, 19, Canada (Call of Duty): $358,625
  5. Shotzzy, 19, U.S. (Call of Duty): $351,625
  6. Huke, 21, Saudi Arabia (Call of Duty): $347,375
  7. Hikaru, 33, U.S. (Chess24): $324,645
  8. PVDDR, 33, Brazil (Magic: The Gathering Arena): $300,000
  9. Cellium, 20, U.S. (Call of Duty): $256,550
  10.  Simp, 19, U.S. (Call of Duty): $250,708
  11. Priestahh, 22, U.S. (Call of Duty): $249,213
  12. GMWSO, 27, U.S. (Chess24): $246,180
  13. paraboy, 18, China (PUBG): $243,186
  14. aBeZy, 21, U.S. (Call of Duty): $243,025
  15. MajorManiak, 22, U.S. (Call of Duty): $228,833
  16. Canadian, 24, Canada (Rainbow Six Siege): $220,000
  17. Bosco, 25, U.S. (Rainbow Six Siege): $220,000
  18. Rampy, 22, U.S. (Rainbow Six Siege): $220,000
  19. Thinkingnade, 21, U.S. (Rainbow Six Siege): $220,000
  20. Fultz, 20, U.S. (Rainbow Six Siege): $220,000
  21. glory, Japan (Hearthstone): $211,750
  22. Rogue, 26, South Korea (Starcraft II): $207,383
  23. Matumbaman, 25, Finland (DOTA 2): $203,588
  24. Puppey, 30, Estonia (DOTA 2): $203,588
  25. Zai, 23, Sweden (DOTA 2): $203,588
  26. YapzOr, 26, Jordan (DOTA 2): $203,588
  27. Nisha, 20, Poland (DOTA 2): $203,588

Cosa ne pensate community? Nel 2020 abbiamo visto molti meno soldi in circolazione nei tornei esport rispetto al 2019…vi basti pensare che Fortnite, gioco che aveva distribuito quasi 80 milioni di Dollari in eventi nel 2019, ha dovuto ridurre del 90% i suoi montepremi, ed ha “solamente” distribuito poco più di 7 milioni di Dollari.

Tutti gli esperti del settore si augurano che il 2021 possa portare tutta la scena su vette più elevate e decisamente più incoraggianti di quelle viste in corso l’anno passato.

Questo articolo è stato realizzato in collaborazione con la community FB CALL OF DUTY ITALIA – Fan Community.

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701