cod dataminer

Treyarch “trolla” i leaker ed i dataminer di COD

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

COD Dataminer – Una curiosità davvero molto simpatica quella che è stata condivisa sui social una manciata di ore fa riguardo ad alcuni file presenti nel codice di Call of Duty.

Come molti di voi sapranno, per ogni titolo (o quantomeno per tutti quelli noti e giocati in tutto il mondo) esiste una schiera di “leaker” e di “dataminer” che setaccia dall’inizio alla fine il codice di gioco, alla ricerca di indizi (o di veri e propri file) che riguardano dei contenuti futuri e non ancora aggiunti sui server live.

In questo modo, i dataminer (e di conseguenza i giocatori interessati) scoprono anticipatamente mappe, personaggi, armi e modalità…molto prima che i publisher ne comunichino l’esistenza attraverso i canali ufficiali. Questa cosa danneggia in parte le case di sviluppo, che vedono sostanzialmente andare in fumo qualsiasi tipo di “sorpresa” o di novità, “spoilerata” prima del tempo proprio dai leaker.

Questa volta perà Treyarch è passata al contrattacco, ed ha preparato degli specifici file per tutti i dataminer impegnati a setacciare il codice di Call of Duty.

Cliccando questi misteriosi file però, i dataminer non hanno scoperto ne la configurazione delle lootboxes, ne tanto meno delle specifiche informazioni sulla nuova stagione, ma solamente la celebre versione di RickRollD (potrete ascoltare qui il brano su You Tube), un modo chiaro per “trollare” gli occhi indiscreti dei leaker, che non crediamo tuttavia diminuirà la voglia dei dataminer di scovare nuove ed ancora non rilasciate informazioni sui contenuti futuri.

I file del “troll” – COD Dataminer

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701