Scandalo ad un torneo di Vanguard: “ShivGTK è un cheater”; interviene Nickmercs: “la community di S&D la peggiore di tutte”

Scandalo ad un torneo di Vanguard: “ShivGTK è un cheater”; interviene Nickmercs: “la community di S&D la peggiore di tutte”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Vanguard TorneoCome (purtroppo) noto il nuovo sistema anti cheat Ricochet non è ancora operativo al 100% su Call of Duty, e come tragica conseguenza di questo sono iniziati a comparire i primi cheater anche nel multiplayer di Vanguard.

Gli imbroglioni più “audaci” non sono neanche mancati nel corso dei primi tornei competitivi ambientati nel nuovo titolo di COD, ed uno di questi ha attirato tantissima attenzione su di se avendo cheaterato davanti ad alcuni tra i più noti professionisti della CDL.

In particolare, nel corso della giornata di ieri, i professionisti del CDL sono rimasti sorpresi quando una squadra di giocatori relativamente sconosciuti è riuscita a sconfiggere gli OpTic per 3-2 durante un torneo S&D da 7000 Dollari. Dopo un’ulteriore ispezione del suo stream Twitch, è stato successivamente rivelato che uno dei giocatori della squadra, Shiv (o ShivGTK), stava usando dei cheat.

In modo del tutto incomprensibile, Shiv è stato “beccato” quando alcuni viewers hanno notato che dalla sua stessa monitor cam si potevano chiaramente notare le sagome tipiche del wallhack, un cheat che ci permette di conoscere con esatta precisione la posizione dei nostri nemici.

In un gioco caotico ed imprevedibile come Call of Duty, conoscere l’esatta posizione del nemico in modo permanente equivale allo sparare con un fucile provvisto di cheat per la mira: è un vantaggio talmente eccessivo da essere proibito dagli sviluppatori di Activision, che ovviamente catalogano questo tipo di programma come un qualsiasi altro cheat.

Trattandosi di un torneo di una certa importanza, la squadra di Shiv ha ricevuto l’espulsione immediata, ma è comunque facile immaginare quanto e come questa notizia abbia destabilizzato gli svariati professionisti impegnati nel corso del torneo.

Ovviamente non sono mancati i commenti di insulti, come ad esempio quello di Nickmercs che pur non rivolgendosi in modo diretto a Shiv, ha voluto dire la sua riguardo alla scena che c’è attorno ai tornei ed al competitivo in search and destroy.

Nickmercs ha sostanzialmente affermato  che quella di COD S&D è la community peggiore di tutte quelle in cui è stato, ed ha apostrofato alcuni dei soggetti che la compongono come delle “piccole creature” di internet, ma anche: “Cheaters, booters, hackers – Anything for a buck“.

Parole durissime, che ci consentono di capire quale possa essere il livello di delusione all’interno di certi ambienti della scena competitiva a seguito di una scoperta cosi grave.

A mettere ulteriore benzina sul fuoco ci ha poi pensato lo stesso Shiv, che ha prima postato e poi cancellato un nuovo thread all’interno del quale svelava i nomi di tutti i presunti altri cheater che avvelenano la scena, nel tentativo decisamente disperato di voler buttare in rissa tutto l’accaduto, spostando su di altri l’attenzione che per forza di cose era stata unicamente rivolta verso di lui.

La video prova del cheating di SHIV al torneo di Vanguard:

I post di Nickmercs: 

Cosa ne pensate di tutta questa vicenda? Come qualcuno ha sostenuto in passato, con il nuovo sistema anti  cheat Ricochet al massimo delle sue potenzialità si spera in una bella “pulizia” di tutti gli account arricchiti con programmi vietati e simili.

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Crimsix ha provato Modern Warfare 2: “la grafica? all’inizio ho pensato fosse la versione per mobile”

Crimsix ha provato Modern Warfare 2: “la grafica? all’inizio ho pensato fosse la versione per mobile”

Profilo di Stak
 WhatsApp

MW2 Grafica & pareri – Il celebre pro dei New York Subliners Crimsix ha avuto l’onore (ed il piacere) di provare in anteprima il nuovo Modern Warfare 2, ed ha condiviso le sue primissime impressioni su Twitch.

Tutti i giocatori “normali” avranno la possibilità di accedere a MW2 soltanto quando sarà disponibile l’open beta. Crimsix rientra invece in quella élite di player a cui la copia di “prova” di MW2 è stata mandata direttamente a casa, e direttamente da Activision.

Passando alle considerazioni vere e proprie, Crimsix ha immediatamente sottolineato che il nuovo COD è esattamente come i suoi più nostalgici fan sperano che sia. Le meccaniche base del titolo pare confermino tutte quelle caratteristiche che da sempre rendono unico Call of Duty.

Ci sarà il movimento classico, continueremo ad usare lo sliding, ed a sparare nello stesso modo” ha affermato Crimsix, che ha poi proseguito “entro 72 ore i pro troveranno anche i modi per “rompere” il gioco con qualche glitch/abuso, esattamente come è sempre stato su COD“.

La cosa che pare abbia un po’ stupito Crimsix è invece la grafica, su cui il pro ha anche fatto dell’ironia con i suoi viewvers. In diretta streaming Crimsix ha infatti scherzato sul fatto che all’inizio pensava stesse giocando ad una versione per Android o Apple.

Nonostante il mio computer da 5K Dollari, mi sono chiesto se quella fosse la versione per mobile” ha proseguito ridendo il noto PRO.

Chiaramente non si tratta di giudizi negativi, anche perché il tono era estremamente divertito. Tra le battute e l’ironia c’è però sicuramente un fondo di verità, con Crimsix che non sarebbe neanche il primo esperto ad aver provato MW2 che non è rimasto entusiasta della grafica.

Chiaramente si tratta di una versione (quella provata da Crimsix) ancora di prova ed assolutamente non definitiva. Ora non resta altro da fare che attendere il rilascio della Beta e sperare che tutte queste preoccupazioni vengano spazzate via dalla versione definitiva.

Voi cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Uccide e filma l’amica giocatrice, CONDANNATO a 14 ANNI un giovanissimo EX-PRO di Call Of Duty Mobile

Uccide e filma l’amica giocatrice, CONDANNATO a 14 ANNI un giovanissimo EX-PRO di Call Of Duty Mobile

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Call of Duty Mobile – Una vera e propria tragedia quella che si è consumata a San Paolo, in Brasile, dove a Febbraio dello scorso anno un appena diciottenne Guilherme Alves Costa (ex-pro player), si era macchiato dell’omicidio dell’amica Ingrid Oliveira Bueno da Silva.

Entrambi ex-giocatori professionisti di Call of Duty Mobile (che in Sudamerica e nel Pacifico è molto più in voga che da noi), secondo il rapporto della polizia i due giovanissimi si erano conosciuti da appena un mese quando si è consumata la tragedia.

Guilherme Alves Costa, meglio conosciuto nell’ambiente videoludico come ”Flash Asmodeus”, si era consegnato spontaneamente alle forze dell’ordine, dichiarando di essere nel pieno delle sue facoltà mentali quando ha ucciso Ingrid, player per gli FBI (Fantastic Brazil Impact) che giocava con il nome di ”SOL”.

Condanna durissima per l’ex-pro di Call of Duty, uscirà dal carcere all’età di 33 anni

Ma se il delitto è avvenuto a Febbraio dello scorso anno, perchè ce lo state raccontando adesso? Ebbene nonostante le prove schiaccianti contro l’imputato, è stato solo un paio di giorni fa, mentre noi festeggiavamo il Ferragosto, che la giudice Michelle Porto de Medeiros Cunha Carreiro ha ufficializzato la condanna per l’ex-pro di Call of Duty Mobile.

Disclaimer: gli ulteriori dettagli sull’omicidio potrebbero urtare la sensibilità di alcuni lettori

Secondo la ricostruzione finale degli inquirenti, il ragazzo avrebbe prima indotto la ragazza a recarsi nel suo appartamento a San Paolo, per poi aggredirla con un’arma affilata (simile ad una spada) all’interno della camera da letto.

Ma non è finita qui, perché dopo aver commesso questo atto orribile, il ragazzo, probabilmente galvanizzato da quello che aveva appena fatto, ha acceso il telefono per iniziare a registrare.

Nelle immagini, che per ovvi motivi non possiamo mostrare (ed anche potendo, non lo faremmo), si vede la giovane giocatrice supina a terra, immersa in una pozza di sangue e con questa sorta di ”spada” conficcata nell’addome. In sottofondo, sopra a queste immagini macabre, è anche possibile sentire Costa pronunciare le parole: ”GUARDATE, CHE BELLEZZA”.

L’ex-pro di Call of Duty è stato dunque condannato e dopo la diagnosi di un disturbo delirante persistente e un disturbo antisociale di personalità, passerà i prossimi anni tra terapia e prigione.

L’ex-squadra di Call of Duty Mobile di Ingrid ha celebrato con queste parole la ”vittoria” della famiglia della ragazza sul suo aguzzino: ‘‘Era un’ottima giocatrice, aveva uno spazio nei nostri cuori. Era una persona straordinaria, ci motivava sempre e ci credeva. Dobbiamo a lei e alla sua famiglia il nostro massimo rispetto e le nostre condoglianze”.

Articoli Correlati:

Dev di DEADROP (gioco di Dr Disrespect) prende in giro Activision per aver copiato un’altra skin!

Dev di DEADROP (gioco di Dr Disrespect) prende in giro Activision per aver copiato un’altra skin!

Profilo di Stak
 WhatsApp

A distanza di neanche una settimana dall’imbarazzante situazione che ha visto Activision al centro di durissime accuse di “plagio”, una nuova vicenda rischia di attirare sul publisher di Call of Duty le ire degli utenti.

Qualche giorno fa è stato l’artista Saillin ad accusare per primo Activision di plagio per il nuovo modello Loyal Samoyed.

Questa nuova skin era infatti copia spiccicata di un modello creato proprio dall’artista Saillin. Una volta che le accuse di plagio sono diventate di dominio pubblico, Activision ha scelto di rimuovere il modello in questione dal negozio scusandosi con Saillin per la tragica “svista.

Oggi però sono state lanciate delle nuove accuse, questa volta direttamente da uno sviluppatore di Midnight, società di DrDisRespect che sta sviluppando il nuovo Deadrop. A parlare è Robert Bowling, altrimenti noto come FourZeroTwo, studio head di Midnight Society ed ex sviluppatore di Activision.

In passato infatti, FourZeroTwo è stato Creative Strategist e Community Manager di Infinity Ward, di fatto condividendo un percorso molto simile a quello intrapreso proprio da DrDisRespect (qui ulteriori dettagli).

FourZeroTwo sulla skin Malware: “potevate almeno dargli il mio nome”

Per quanto riguarda le accuse, FourZeroTwo ha preso in giro su Twitter Activision riguardo ad una skin che ricorda moltissimo un modello presente proprio su Deadrop. In particolare, sembra che la skin presente nel Founders Pass di Deadrop sia stata la “base” per creare il modello disponibile su Call of Duty con il Malware Ultra Skin Bundle.

Clicca qui per visualizzare il post su Twitter! 

Al momento non ci sono prove effettive che il modello di Activision sia stato copiato da quello di Deadrop. Proprio FourZeroTwo ha però commentato “almeno la potevate chiamare (riferendosi alla skin, ndr) come me”, chiaro segno che in Midnight Society non devono essere troppo felici della skin del Malware Bundle.

Voi cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: