cheater vanguard

Ricochet ancora non operativo al 100%: avvistati i primi cheater anche su Vanguard

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Vanguard Cheater – Pur essendo online ancora solamente da due giorni, sembra che il problema dei cheater stia rapidamente “contagiando” anche la scena del multiplayer di Vanguard, dove sono iniziati a comparire i primi imbroglioni.

E’ bene chiarire subito che il nuovo sistema anti cheat Ricochet non è ancora operativo al 100% e che quindi è (quasi) del tutto normale che ci siano dei “flagelli” (chiamarli sempre cheater è ripetitivo, e forse sminuisce il pericolo che rappresentano) in libertà.

D’altra parte la situazione ad alcuni è sembrata già molto problematica, al punto che diversi giocatori hanno iniziato a postare i video con i cheater in azione…un campanello che non ha messo in allarme solamente i giocatori attualmente impegnati sul nuovo COD, ma soprattutto quelli che ancora devono procedere con l’acquisto.

Gli sviluppatori hanno in più occasioni ribadito che l’anti cheat sarebbe stato operativo al massimo delle sue funzioni e capacità entro la fine dell’anno. Conoscendo questa “stima” molto approssimativa, si può in qualche modo ipotizzare che Ricochet sarà al 100% delle sue capacità quando Pacific sbarcherà su Warzone, entro il prossimo 3 Dicembre.

Altre ipotesi non sono accettabili, certamente non lo sono dopo i quasi 10 mesi infernali che i giocatori hanno dovuto attraversare su una Verdansk del tutto “invasa” da questi insoddisfatti e tossici (non) membri della community.

La situazione è doppiamente delicata anche perché il lancio del nuovo titolo del franchise è andato tutto sommato bene, con numerosi giocatori che hanno manifestato tutto il loro entusiasmo per gli obiettivi raggiunti dai devs di Sledgehammer Games, e non sono mancati i feedback estremamente positivi rispetto al fatto che questo Vanguard sia tremendamente migliore (e migliorato) rispetto al Vanguard della beta di questa estate.

Il lancio è stato quindi una “piacevole” sorpresa, e sarebbe davvero un peccato se le prossime 4 lunghissime settimane (ovvero il tempo che ci separa da quando Ricochet potrà combattere con tutte le armi che ha nel suo arsenale) fossero caratterizzate dai maledetti cheater e dalla loro deviata passione di rompere le “uova nel paniere” di noi giocatori onesti.

Already cheaters in Vanguard… hopefully RICHOCHET hasn’t been implemented yet from CODVanguard

Pochi bug per dei tilt leggendari…

Oltre al problema dei cheater, nel corso di questi primi due giorni di gioco ci siamo anche imbattuti in qualche (piccolo) bug…una cosa abbastanza normale, e che dovrebbe andarsi ad attenuare nel corso dei prossimi giorni e con il rilascio delle varie patch di hotfix (molti saranno già in cantiere o del tutto risolti).

In uno di questi bug è ad esempio finito il fortissimo Scump, pro player e star del brand Optic (quindi di Dallas, ma ancora non c’è ufficialità – ne abbiamo parlato in uno speciale che troverete qui), che dopo essere stato azzannato e killato da un branco di cani nemici (i cani sono un vero e proprio scorestreak presente su Vanguard, ndr) si lascia andare in un tilt che verrà probabilmente ricordato nei mesi a venire…

Cosa ne pensate di questa situazione community? Vi siete anche voi imbattuti nei cheater del multiplayer di Vanguard? Per il momento, l’unica cosa da fare è avere qualche altra settimana di pazienza, incrociando le dita sul fatto che quando verrà data massima operatività a Ricochet si assista ad un crollo verticale del numero di imbroglioni in giro per Call of Duty.

E se cosi non sarà, ci penseremo a tempo debito.

Vanguard, multiplayer: le armi migliori del momento, e gli accessori per MP40 e STG44

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 


Ricochet ancora non operativo al 100%: avvistati i primi cheater anche su Vanguard
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701