cheater vanguard

Problemi di cheater anche nella beta di Vanguard: i giocatori segnalano problemi ai punti di spawn e confusione con le divise

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Cheater Vanguard – Non solo buone notizie dalla beta del multiplayer di Call of Duty Vanguard, con svariati giocatori che hanno segnalato la presenza in game di svariati cheater!

Purtroppo il problema che ha afflitto Warzone ed il MP di Cold War in questi ultimi mesi pare sia già presente anche nella nuova beta del titolo ambientato nella seconda guerra mondiale, con numerosi player che hanno avvistato imbroglioni “armati” di wallhack e cheat per il puntamento automatico.

Ovviamente il sistema anti-cheat di cui tanto si è parlato non è ancora stato introdotto, ma gli sviluppatori di Activision hanno in più occasioni ribadito che questo software “trova cheaters” sbarcherà ufficialmente con il lancio del gioco, previsto per il prossimo 5 di Novembre.

Il problema sembra in ogni caso più grave del previsto, dato che non è stata solamente registrata la presenza di software non consentiti, ma in alcune situazioni si è addirittura assistito a dei cheater capaci di far concludere anticipatamente le partite in multiplayer, per un livello di “controllo” degli imbroglioni sul nuovo titolo di COD che ha letteralmente lasciato senza parole i giocatori malcapitati di turno.

Non solo intoppi legati ai cheaters comunque, dato che nel corso del lungo weekend di open beta sono stati individuati diversi altri problemi che richiedono una certa attenzione degli sviluppatori. Tra questi ad esempio i punti di spawn, che in alcune situazioni obbligano i giocatori a rinascere sotto al fuoco nemico (una situazione non “nuova” per i giocatori di COD, che tuttavia non era mai stata cosi eccessivamente penalizzante), o il fatto che vi siano delle difficoltà a distinguere quali sono i nemici dai compagni di squadra.

Se per il primo basterà che i devs impostino meglio i punti di spawn in base alla presenza dei nemici sulla mappa, per il secondo “problema” bisognerà vedere cosa si inventeranno gli sviluppatori per rendere più distinguibili i nostri nemici in multiplayer, cosi da evitare situazioni in cui ci ritroveremo accanto a degli avversari pensando che siano dei nostri compagni di team.

Why we need faction uniforms from CODVanguard

Non solo cheater su Vanguard – Il TTK, e la proposta di JGOD

Il noto esperto di Call of Duty Jgod ha poi sottolineato un’altra importante questione che riguarda il bilanciamento del gioco, in particolare riguardo al TTK delle armi. Jgod è infatti convinto che al momento le armi di Vanguard facciano “troppo male” agli avversari, e che il troppo poco tempo necessario per mandare a terra un avversario indurrà certamente i giocatori ad attuare strategie molto conservative o addirittura votate al camping (ovvero al presidiare una zona fissa della mappa, senza mai muoversi da quel dato punto).

Sempre secondo Jgod, sarebbe necessario aggiungere 20 o 50 punti ferita alla vita dei giocatori, cosi da rendere meno “brutale” il TTK delle armi, stimolando al contempo un playstyle più votato al “run and gun” (corri e spara, ndr) e concedendo almeno una piccola possibilità di risposta ai giocatori che subiscono per primi il fuoco nemico.

Avete avuto modo di provare la beta di Vanguard in questi ultimi giorni? Cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 


Problemi di cheater anche nella beta di Vanguard: i giocatori segnalano problemi ai punti di spawn e confusione con le divise
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701