La Call of Duty League finalmente avrà degli show esport di altissima qualità

La Call of Duty League finalmente avrà degli show esport di altissima qualità

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Call of Duty League – Gli organizzatori della massima competizione del mondo di Call Of Duty, hanno infinte siglato un attesissimo accordo con Esport Engine che ufficializza la partnership che porterà l’esport di Call of Duty e la sua trasmissione in diretta, finalmente ai livelli che avrebbe sempre meritato.

Negli accordi è ovviamente saltato fuori anche il nome di Adam Apicella, una figura sicuramente non nuova agli OG di COD che ricorderanno il suo prezioso apporto alla realizzazione dei videogiochi di casa Activision e l’addio nel 2019 dopo ben 16 anni di lavoro.

Dopo l’addio ad Activision ed MLG, Apicella ha continuato a sviluppare i propri progetti in Esport Engine, a partire da ieri partner ufficiale dei servizi broadcast di tutto il circuito competitivo della Call Of Duty League.

Il tutto è stato annunciato durante la conferenza stampa di ieri, nella quale tra le altre cose sono state annucniate diverse nuove feature che dovrebbero regalare a tutti i fan di Call Of Duty un’esperienza esportiva decisamente molto più al passo coi tempi, in qualche maniera simile a quanto già occorre su titoli del calibro di League of Legends.

”Questi servizi nuovi includeranno anche un migliorato pre-show che avrà luogo prima di ogni giornata di competizione, telecamere POV dei giocatori e feed in tempo reale che verranno mostrati sull’HUD proprio nel bel mezzo delle partite e molto altro. Gli studi in Ohio, inoltre, verranno utilizzati per trasmettere le competizioni più importanti dal vivo.”

La notizia questa mattina é prevedibilmente stata rimbalzata da una parte all’altra del web e delle principali reti social dedicate a Call of Duty, dove é stata accolta con un certo entusiasmo sia dai player comuni, sia dai professionisti, che hanno spiegato come questa notizia renderà il tutto molto più eccitante durante la stagione 2022.

Insomma, cosa ne pensate? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra con un commento qui sotto, oppure in community!

Articoli correlati: 

Activision ci prova: su Warzone sbarca l’infernale LTM “Champion of Caldera”

Activision ci prova: su Warzone sbarca l’infernale LTM “Champion of Caldera”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Champion Caldera – Dopo lo sbarco di Kong e Godzilla su Caldera giunge un’altra nuova modalità a tempo limitata, che promette di lasciare tutti a bocca aperta.

Gli sviluppatori di Activision continuano a “martellare” l’incudine con delle mode adrenaliniche e caotiche, sempre più simili a “Ritorno Rebirth” che non al “battle royale” classico. Questa volta tocca a “Champion of Caldera“, una LTM che promette fuochi d’artificio e partite ad altissimo numero di ottani.

Pensate che in questa nuova mode, in cui saremo 150 player, avremo almeno due incredibili novità ad inizio partita:

  • Ogni giocatore inizierà con il suo equipaggiamento, come funziona in Malloppo
  • Non ci saranno “fasi” del cerchio del gas: questo si muoverà sempre, dall’inizio alla fine

Si, avete letto decisamente bene: gli sviluppatori vogliono provare a “stravolgere”, almeno a livello concettuale, la divisione delle varie fasi di gioco in BR. Ovviamente il gas si muoverà con una velocità costante, e si presuppone che sarà anche molto semplice scappare correndo con l’arma in pugno.

Le altre novità di Champion of Caldera

Oltre a tutto questo, i devs ci hanno spiegato che:

Champion of Caldera presenta un massimo di 150 giocatori e un unico cerchio che si chiude continuamente in una lotta per la sopravvivenza in stile Battle Royale.

Tutti gli operatori arriveranno con il loro equipaggiamento personalizzato, una maschera antigas e un singolo gettone di estrazione di ridistribuzione (qui i dettagli su questo nuovo gettone).

Il pool di oggetti è leggermente modificato per enfatizzare l’equipaggiamento che normalmente non si trova negli equipaggiamenti e nelle armi di rarità da epiche a leggendarie.

Raccogli denaro per visitare una stazione di acquisto potenziata, che include l’UAV avanzato, l’arco esplosivo e persino il bonus specialista a un costo elevato.

In particolare: le uccisioni in questa modalità di gioco ricaricano immediatamente la salute, l’equipaggiamento e le munizioni del giocatore, incentivando gli aspiranti campioni a giocare in modo aggressivo ed eliminare direttamente la concorrenza per avere le migliori possibilità di vittoria.

Warzone, in arrivo il PERK anti-cecchini, ed i Token per il Gulag/Rischieramento GRATIS!

 

Questa nuova modalità prenderà il via insieme alla midseason patch nel corso della giornata di domani. Tutto l’aggiornamento potrebbe essere disponibile già domani mattina, o al più tardi entro e non oltre domani alle 18.

Cosa ne pensate community? Siete pronti per lanciarvi in questa nuova ed originale sfida? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

WhosImmortal svela le migliori armi Modern Warfare di Warzone: “PKM e BRUEN tra le TOP Long Range in assoluto”

WhosImmortal svela le migliori armi Modern Warfare di Warzone: “PKM e BRUEN tra le TOP Long Range in assoluto”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Torniamo a parlare di armi di Modern Warfare, proponendo le ultime “migliori” delle varie categorie su Call of Duty Warzone.

L’attaccamento al glorioso multiplayer di MW è sempre stato uno dei motivi per i quali tantissimi giocatori continuano a preferire, ed a giocare, le armi di Modern Warfare a quelle di Black Ops e Vanguard.

Pensiamo ad esempio all’HDR o all’MP5, un fucile sniper ed una smg che al momento svettano come armi meta in BR.

In questo caso riportiamo il feedback dell’esperto WhosImmortal, secondo il quale sarebbero almeno cinque le armi moderne da meritare molta attenzione… andiamole a vedere tutte…

Armi moderne – Close Range

La piccola MP5 è una delle armi più celebri di sempre.

Tuttora vanta ancora tantissimi estimatori che la giocano sia su Rebirth, che su Caldera.

Precisa, ideale per i giocatori hipfire (che sparano senza entrare in modalità mirino) e dannatamente aggressiva, l’MP5 è certamente l’SMG moderna migliore del lotto.

Armi moderne – Long Range

Se sul piano degli scontri ravvicinati, l’epoca Moderna ha da offrire “solo” l’MP5, su quello degli scontri a distanza è tutto un altro discorso.

Al momento le armi moderne godono di 3 ottime opzioni AR/LMG e di almeno uno straordinario fucile da cecchino.

Le consigliate in questo caso, in ordine di importanza, sono il Bruen, il PKM, il CR56 Amax ed appunto l’HDR, al momento il miglior cecchino (anche se alcuni gli preferiscono lo ZRG) con cui oneshottare gli avversari in BR.

Loadout consigliati per armi modern Warzone

warfare Loadout consigliato da WhosImmortal per HDR
modern warzone Loadout consigliato da WhosImmortal per CR 56 Amax
pkm Loadout consigliato da WhosImmortal per PKM
mp5 warzone loadout Loadout consigliato da WhosImmortal per MP5
warzone modern Loadout per BRUEN MK9 consigliato da WhosImmortal

Cosa ne pensate di queste versioni community? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Imponenti modifiche allo SBMM in arrivo con il nuovo Modern Warfare

Imponenti modifiche allo SBMM in arrivo con il nuovo Modern Warfare

Profilo di Stak
 WhatsApp

SBMM Modern Warfare – Nuove ed interessantissime informazioni giungono ancor una volta dai leaker riguardo al prossimo Modern Warfare 2.

Oggi scopriamo infatti degli interessanti dettagli che riguardano lo SBMM, ed il sistema matchmaking che caratterizzerà il prossimo COD.

Prima d’ogni altra cosa, si segnalano i nuovi interessanti dettagli giunti riguardo le BOT lobby, ovvero quelle lobby che ospiteranno anche dei personaggi controllati dal computer.

Si tratterà ovviamente di lobby destinate ai giocatori più scarsi, ed a quelli alle primissime armi su COD.

Questa categoria di giocatori avrà una sua “sottosezione” del matchmaking, all’interno della quale troveranno spazio solamente i giocatori con K/D più basso, e che verranno “riempite” con decine di bot estremamente facili da abbattere.

Lobby BOT per equilibrare lo SBMM di Modern Warfare 2

Molto probabilmente questa situazione serve per evitare il fenomeno dello “smurfing”, in cui giocatori esperti ripartono da zero con un account nuovo, venendo cosi inseriti nelle stesse lobby dei giocatori alle “prime armi”.

La presenza di BOT dovrebbe talmente “delegittimare” e rendere “insulse” queste lobby da portare gli smurf a desistere dai loro intenti. Questo dovrebbe essere, almeno a livello teorico, l’intento dell’aggiunta dei BOT.

Dalle fonti interne ad Activision di RalphValve, sembra inoltre che le “disbanding lobby” continueranno ad esistere. Per “disbanding Lobby” si intende il fatto che per ogni partita a cui si partecipa, si entra in lobby sempre “nuove” e riempite da zero.

Questo meccanismo sembra che continuerà ad esistere anche le prossimo Modern Warfare. L’insider ha infatti svelato che “senza questo tipo di lobby, lo SBMM semplicemente collasserebbe“.

Cosa ne pensate community? Le lobby piene di BOT per i giocatori con K/D più basso andranno ad abbattere il numero si smurf in gioco? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: