vanguard nerf

In arrivo i primi nerf per alcune armi di Vanguard! Dal fronte anti-cheat: “colpire i venditori di account per togliere risorse agli imbroglioni”

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Nerf Vanguard – Diverse interessanti notizie sono giunte nel corso delle ultime ore dalla sede principale di Sledgehammer Games, in merito al loro nuovo titolo fps Call of Duty Vanguard.

Il nuovo straordinario “pezzo” del lunghissimo franchise di COD si appresta infatti a ricevere la sua prima vera ondata di bilanciamenti per le armi, con i devs che hanno fatto sapere che sta per arrivare una bella patch di modifiche per gli shotgun.

Pur non sapendo ancora quali, e come queste verranno modificate, Sledgehammer Games ha mostrato una clip di pochi secondi in cui, citando proprio gli shotgun, viene riportata la frase “è tempo di NERF“.

Ricordiamo che nelle piccole e caotiche mappe di Vanguard gli shotgun stanno letteralmente dominando la scena, al punto che un giocatore (poi diventato virale sui social con circa 2.5 milioni di visual) è riuscito a chiamare una bomba V2 nell’arco di soli 30 secondi…

Oltre all’imminente nerf (è probabile che il bilanciamento venga pubblicato questa sera, domani o al più tardi questo giovedì, ndr) per gli shotgun, i devs di Activision (ed in particolare quelli di Ricochet) hanno anche fornito alcuni interessanti dettagli che riguardano gli aggiornamenti del nuovo sistema anti-cheat.

La guerra di Ricochet ai venditori di Account

Come noto al momento Ricochet (questo il nome del nuovo “buttafuori” e “cacciatore” di cheater) non è ancora operativo al 100%, ma lo sarà (almeno su Warzone, e solamente dopo anche in multiplayer) a partire dal prossimo inizio Dicembre, quando la mappa Pacific sbarcherà nel mondo del battle royale.

Non stanno però mancando i lievi aggiornamenti quotidiani, che stanno di volta in volta aumentando le possibilità di intervento dell’anti-cheat sulla presenza dei cheater. Nel corso dell’ultimo weekend, sembra che i devs si siano concentrati sulle capacità di Ricochet di identificare ed eliminare gli account che sono stati hackerati (tra cui quelli “rivenduti” al mercato nero).

Allo stesso modo, Ricochetamplia il suo processo di applicazione con conseguenti ondate di ban più frequenti che bloccano l’accesso al gioco a imbroglioni e rivenditori di account“.

In questo modo dovremmo certamente assistere ad un rapido crollo del numero di “nuovi cheater”, sempre in attesa dell’arrivo di Dicembre, e del driver kernel che dovrebbe abbattere il numero di imbroglioni che popolano Verdansk e Rebirth.

Cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 


In arrivo i primi nerf per alcune armi di Vanguard! Dal fronte anti-cheat: “colpire i venditori di account per togliere risorse agli imbroglioni”
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701