scump

Il “Re” di Call of Duty SCUMP: “da quando c’è Warzone, Call of Duty è cambiato moltissimo”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Secondo il celebre e seguitissimo SCUMP, negli ultimi mesi si è scatenato un vero e proprio “cambiamento” all’interno del celebre franchise di Call of Duty, che dovrebbe accentrare in modo sempre maggiore le attenzioni dei devs nei riguardi di Warzone e non più del multiplayer.

Per chi non lo conoscesse, Seth ‘Scump’ Abner è una vera e propria leggenda vivente della scena di COD: più volte campione del mondo nella Lega maggiore del gioco, la star degli Optic ha recentemente vinto anche il Solo YOLO alle Warzone World Series, di fatto rilanciando la sua immagine anche tra un pubblico totalmente “nuovo” rispetto a quello solito.

Quando Scump esprime un’opinione quindi, è assolutamente normale che tantissime persone si interessino e discutano di quanto da lui detto. In questo caso, Scump ha voluto dire la sua riguardo lo stato del franchise Call of Duty, offrendo uno spunto certamente non nuovo, ma che comunque merita un alto livello di attenzione.

Secondo Scump infatti, negli ultimi mesi vi sarebbe stato un vero e proprio “cambiamento” nel modo di Activision di vedere i suoi titoli. Il multiplayer, che fino a poco tempo fa rappresentava il vertice della piramide di Call of Duty, appare oggi (sempre secondo Scump) come un qualcosa che invece “dipende” dal battle royale Warzone, con i devs sempre più concentrati nel rendere il multiplayer “adattabile” a Warzone, e non il contrario.

L’esempio più lampante di questo è l’alto livello di personalizzazione raggiunto con le armi di Vanguard: come noto con l’ultimo titolo di Activision sono ben 10 gli accessori che possiamo selezionare per le nostre armi…una “mostruosità” se paragonato al passato, che deriva direttamente dal fatto che i devs ormai interpretino il multiplayer in funzione del battle royale.

Sempre secondo Scump, anche l’idea generale che le persone hanno di COD è cambiata, con un numero sempre maggiore di “spettatori” che tende ormai ad accostare COD a Warzone, in modo del tutto automatico. Del resto è stato proprio Warzone a spingere e trainare tutto il franchise fino a livelli altrimenti impossibili da raggiungere.

La quantità di denaro che [Warzone] ha guadagnato, e la popolarità che ha ricevuto Call of Duty, hanno fatto si che venisse plasmato il modo in cui stiamo giocando oggi a CoD” ha ribadito Scump, trovando il favore anche di altri membri di spicco della scena competitiva come il CEO degli stessi Optic Hector ‘H3CZ’ Rodriguez, che ha concordato con il suo atleta.

“Pensate alla questione delle armi hitscan ad esempio” ha poi proseguito Scump, “ormai su COD non esiste più l’hitscan (ovvero il fatto che i proiettili arrivino a bersaglio un istante dopo che il giocatore ha premuto il tasto, mentre oggi, in base alla velocità dei proiettili, questo dato non è sempre uguale o prossimo allo 0), ed anche questa è una decisione che non riguarda principalmente il multiplayer, ma che è stata applicata anche qui per renderlo uniforme con il battle royale“.

Voi cosa ne pensate community? Condividete con il punto di vista di Scump? Ed in ogni caso, credete che sia positivo che Activision veicoli la maggior parte delle sue attenzioni su Warzone? La discussione, come sempre, è aperta!

Il video con il parere di Scump e H3CZ

FormaL molto critico su Vanguard! Ora grande attesa sul nuovo Warzone, che a molti ricorda il celebre Far Cry

Articoli correlati: 

warzone season 2

Vanguard/Warzone: con la season 2 anche l’italiano Gustavo e l’Armaguerra; in arrivo anche una mappa a tema ALPI

Profilo di Stak
 WhatsApp

Warzone /Vanguard Season 2 – Grazie al certosino lavoro di analisi fatto da alcuni noti leakers di Call of Duty, sono state diffuse delle interessantissime informazioni che riguardano molti dei contenuti in arrivo con la prossima stagione.

Come noto infatti, nel corso del prossimo 14 Febbraio verrà ufficialmente rilasciata la season numero 2 della storia di Call of Duty Vanguard, contenuto attesissimo che speriamo inondi sia la versione multiplayer che il BR Warzone di tante divertenti novità e contenuti originali.

Due tra i più noti dataminer della scena, ovvero gli autorevoli ZestyLeaks e Hydra, hanno quindi trovato delle immagini ufficiali che quasi al 100% fanno parte del pacchetto di asset e grafiche promozionali legate alla stagione in arrivo, svelandone parte dei contenuti.

Osservando i file si può quindi notare che con lo sbarco della nuova season assisteremo all’aggiunta dei due nuovi operatori Anna e Gustavo, con il secondo che dovrebbe essere un personaggio legato alla storia italiana.

Pur non sapendo ancora se si tratta di un soldato dell’esercito italiano, della Resistenza partigiana o dell’RSI (la nazista Repubblica di Salò, ndr), sappiamo che Gustavo imbraccia una particolarissima arma degli anni 40…

Con l’inizio della season 2 dovremmo infatti disporre anche della Armaguerra OG-43, pistola mitragliatrice ideata da Giovanni Oliani per la Repubblica Sociale Italiana, stato totalitario di fatto comandato dai nazisti tedeschi che durò meno di 24 mesi dalla sua fondazione.

Le altre armi della Season 2 di Warzone

Oltre all’Armaguerra, con la season 2 dovremmo anche disporre del fucile francese Chauchat, e della mitragliatrice leggera svedese KG M/40 LMG. Sappiamo anche che verrà aggiunto uno shotgun, ma non è ancora chiaro quale questo potrebbe essere.

Nel grande screen di caricamento della Season 2 (o almeno di quello che sembra essere il presunto screen, ricordiamo che stiamo parlando pur sempre di leak e non di informazioni “ufficiali”) si possono poi vedere dei chiari richiami alle Alpi, un segno per molti assolutamente evidente del fatto che con la nuova stagione riceveremo una nuova mappa a tema alpi, legata quindi all’Europa centrale.

Stando ai rumors sul web, sembra che vi siano delle concrete possibilità che questa sia una ground map in arrivo per il multiplayer, ma potrebbe anche essere legata ad un evento che verrà trasmesso anche su Warzone o, chissà, magari anche una nuova mappa di dimensioni ridotte che possa seguire i passi già fatti da Rebirth Island.

I leak svelati da Hydra e ZestyCODLeaks (fonte)

 

Cosa ne pensate di queste informazioni community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

“DiazBiffle è innocente”: Jackfrags pubblica un video che scagiona il Baka Bros

call of duty league

La Call of Duty League finalmente avrà degli show esport di altissima qualità

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Call of Duty League – Gli organizzatori della massima competizione del mondo di Call Of Duty, hanno infinte siglato un attesissimo accordo con Esport Engine che ufficializza la partnership che porterà l’esport di Call of Duty e la sua trasmissione in diretta, finalmente ai livelli che avrebbe sempre meritato.

Negli accordi è ovviamente saltato fuori anche il nome di Adam Apicella, una figura sicuramente non nuova agli OG di COD che ricorderanno il suo prezioso apporto alla realizzazione dei videogiochi di casa Activision e l’addio nel 2019 dopo ben 16 anni di lavoro.

Dopo l’addio ad Activision ed MLG, Apicella ha continuato a sviluppare i propri progetti in Esport Engine, a partire da ieri partner ufficiale dei servizi broadcast di tutto il circuito competitivo della Call Of Duty League.

Il tutto è stato annunciato durante la conferenza stampa di ieri, nella quale tra le altre cose sono state annucniate diverse nuove feature che dovrebbero regalare a tutti i fan di Call Of Duty un’esperienza esportiva decisamente molto più al passo coi tempi, in qualche maniera simile a quanto già occorre su titoli del calibro di League of Legends.

”Questi servizi nuovi includeranno anche un migliorato pre-show che avrà luogo prima di ogni giornata di competizione, telecamere POV dei giocatori e feed in tempo reale che verranno mostrati sull’HUD proprio nel bel mezzo delle partite e molto altro. Gli studi in Ohio, inoltre, verranno utilizzati per trasmettere le competizioni più importanti dal vivo.”

La notizia questa mattina é prevedibilmente stata rimbalzata da una parte all’altra del web e delle principali reti social dedicate a Call of Duty, dove é stata accolta con un certo entusiasmo sia dai player comuni, sia dai professionisti, che hanno spiegato come questa notizia renderà il tutto molto più eccitante durante la stagione 2022.

Insomma, cosa ne pensate? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra con un commento qui sotto, oppure in community!

Articoli correlati: 

call of duty playstation

Call of Duty su PlayStation con una scadenza: nuovi rumor sull’acquisizione “dell’anno”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Call of Duty PlayStation – Torniamo a parlare dell’argomento certamente più caldo della settimana, l’acquisizione di Activision Blizzard da parte di Microsoft, riportando alcune nuove indiscrezioni che stanno rapidamente facendo il giro del mondo.

Dopo le dichiarazioni che hanno stemperato i toni da “console war” di Phil Spencer, CEO di Microsoft Gaming, un noto insider è tornato a parlare dell’argomento svelando la presunta “scadenza” che avrebbe il contratto di partnership tra Activision e Sony.

Come molti di voi sapranno prima Sony, e poi appunto Phil Spencer mediante un post su Twitter, hanno entrambi chiarito che nel futuro di PlayStation e dei suoi giocatori continueranno ad esserci i nuovi titoli di Call of Duty.

Questo perchè c’è un contratto in essere tra Sony ed Activision, per il quale il noto publisher statunitense è obbligato a servire i suoi titoli di Call of Duty per la console giapponese, anche in futuro.

Il problema è che non si sa per quanto ancora il contratto sia valido, e non sappiamo quindi se una volta “concluso” sarà interesse di Xbox e di Microsoft proseguire questo tipo di strada, o se al contrario inizieranno a proporre titoli in esclusiva per le loro specifiche device.

Sulla questione è quindi intervenuto il noto insider e leaker Colt Eastwood, che su Twitter ha affermato che questo contratto dura solo fino al 2024.

Il post, rapidamente retwittato da molti altri appassionati, resta pur sempre un post di speculazioni, ma se questa dovesse essere la verità, ci ritroveremmo in una situazione per la quale, riguardo Call of Duty, potrebbero esserci ancora uno/due nuovi titoli in arrivo su PlayStationWarzone escluso ovviamente (che quasi certamente resterà un gioco “multi-platform” negli anni a venire).

I progetti in arrivo per il mondo Xbox. Fonte: Souls Ninja

Cosa ne pensate community? Ancora una volta, la discussione è assolutamente aperta!

Articoli correlati: