warzone cheaters

I cheaters non mollano la presa su Warzone: superata la soglia di mezzo milione di account bannati

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Speciale Cheaters – La guerra ai cheaters di Call of Duty continua a non conoscere tregua, con gli sviluppatori di Raven Software che hanno annunciato un’altra nuova imponente tornata di ban!

Gli account questa volta cancellati dai devs e dal team che gestisce la sicurezza di Activision sono stati ben 30 mila, che contribuiscono a far superare la soglia del mezzo milione di account permanentemente rimossi dal gioco da quando la “guerra” è iniziata.

Nel corso delle ultime settimane abbiamo in più occasioni parlato dei cheater, ad esempio quando abbiamo segnalato un particolare cheat che sembra aggirare l’impossibilità di sparare da un piano all’altro di una casa, ma anche quando abbiamo assistito, in diretta streaming (sul canale di TimTheTatman), al ban di Activision diretto ad un cheater nel bel mezzo di una partita.

Il post di Raven del 14 Maggio

Questa nuova serie di “martellate” a suon di ban aiuta certamente i giocatori alla ricerca di lobby equilibrate ed assolutamente “oneste”, ma ancora una volta ci ritroviamo qui a domandarci quando verrà integrato l’attesissimo sistema anti cheat che blocchi gli utenti imbroglioni sul nascere (e non a segnalazione avvenuta), di cui gli stessi sviluppatori hanno fatto menzione tempo fa e di cui non si è più riparlato.

Non appena disponibili nuove e più dettagliate informazioni, non esiteremo a riportarle qui su Powned.
Restate sintonizzati con noi per non perdervi neanche un update!

Articoli correlati: 


I cheaters non mollano la presa su Warzone: superata la soglia di mezzo milione di account bannati
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701