Cold war, 5 consigli per la mappa Raid

Cold war, 5 consigli per la mappa Raid

Profilo di scemaax
 WhatsApp

Nuovo appuntamento con la guida alle mappe di Black Ops Cold War targata Powned (troverete tutte le altre nella nuova sezione dedicata alle Guide di Black Ops): andiamo a vedere insieme cinque consigli fondamentali per la mappa Raid, arrivata nel corso della prima Season direttamente dal map pool di Black Ops II.

Ambientata in una grande proprietà di Los Angeles, California, la mappa ha diverse linee di tiro ampie e spaziose ottime per cecchini e altre armi da media distanza, ma è considerata una mappa one-to-one per la grande quantità di scontri ravvicinati che si verificano a causa della conformazione soprattutto del mid.

Andiamo dunque a scoprire i segreti e le particolarità di Raid per poter dare il meglio e capire quali sono le peculiarità che la rendono una delle più apprezzate del titolo Treyarch.

Cold War – 5 consigli per la mappa Raid

Come di consueto, vi ricordiamo che molti consigli e linee guida dipendono dalle modalità specifiche che si vanno a giocare, tuttavia quelli che andremo a vedere sono cinque consigli di “base” per poter costruire e migliorare il proprio stile di gioco su una mappa stretta e caotica come Raid:

  1. Il Mid è terra di nessuno
    La zona centrale di Raid è una delle più iconiche di tutti i COD: una passerella circonda un piccolo parchetto rettangolare interrato con alberelli e pietre. Come se non bastasse, ogni lato del rettangolo dà su una zona diversa della mappa, rendendo il mid un vero e proprio crocevia dove confluisce l’azione di tutta la mappa. Ecco perchè il mid di Raid risulta spesso frenetico e, nelle modalità a obiettivi (Postazione soprattutto) risulta davvero difficile mantenerne il controllo e semplicemente “sapere da che parte guardare”. La strategia migliore, a volte, è quella di posizionarsi in uno dei quattro angoli della passerella e sfruttare l’effetto sorpresa, ma ovviamente ciò non vi porterà più di una o due kill prima di essere neutralizzati.
  2. Prendete la statua
    Nella parte della mappa opposta alla piscina, quella con alcune auto parcheggiate, svetta una grande statua circolare: sarà la vostra salvezza. Salirvi vi permetterà di avere un’ottima linea di tiro sia sul mid (e sulle scale di piscina che lì portano), sia sulle due zone di spawn della mappa. Sfruttando la statua stessa per ripararvi dei colpi (non vi è penetrazione) potete “giocarvi” tutti i punti elencati con la certezza che nessuno potrà mai arrivarvi alle spalle: dietro di voi, infatti, ci sarà solo il fondo mappa e una piccola porzione di strada dove sarà impossibile arrivare senza che ve ne rendiate conto.
  3.  Attenzione all’acqua
    La zona piscina di Raid può avere molte più insidie di quanto possa sembrare: complice un engine un po’ ballerino, un nemico che sta nuotando sottacqua può essere a volte visto benissimo da fuori (lo zaino o altri parti del character model sfioreranno il pelo dell’acqua), mentre altre volte esso sarà completamente invisibile senza neanche avere il nametag rosso sopra. Non sarebbe un problema, se non fosse ovviamente che mentre si è sottacqua si può comunque sparare ed usare le proprie utilities.
  4. Usate le smoke
    Consiglio che vale per tutte le mappe ma che per Raid sarà fondamentale: se vi trovate in difficoltà ad attraversare la mappa da tutte le tre lane (piscina, mid, e statua) potete equipaggiare le granate fumogene (magari con la wildcard Mina Vagante) ed usarle per tagliar fuori alcune linee di tiro prima di attraversare la zona. Tale pratica è particolarmente efficace nel mid, per i motivi che dicevamo prima, ma anche per prendere il controllo della statua (lanciando una smoke vicino al furgone bianco, da un lato, e in fondo alle scale di cemento dall’altro).ù
  5. A Raid piace cambiare
    Importante tenere a mente, se saltate spesso tra modalità ad obiettivi e modalità a uccisioni, che Raid è l’unica mappa di Black Ops Cold War a variare in base alla modalità praticata: nello specifico, l’auto simil-Lamborghini di colore giallo presente tra la statua circolare e le colonne del mid spawnerà soltanto nelle modalità ad uccisioni (TDM, Kill Confirmed ecc.), mentre nelle modalità ad obiettivi (S&D, Dominio, Postazione) tale auto non sarà presente nella mappa, perchè al suo posto vi sarà appunto uno degli obiettivi.

Ovviamente, anche su Raid valgono tutte le regole generali di un Call Of Duty competitivo: ragionare con la testa, non essere avidi…e tutto il resto. Questi erano i nostri 5 consigli più importanti per chiunque si ritrovasse spesso in difficoltà a giocare sulla mappa Cartel di Cold War, in qualsiasi modalità di gioco. Se ne avete altri sentitevi liberi di aggiungerli nei commenti!

Questo articolo è stato realizzato in collaborazione con la community FB CALL OF DUTY ITALIA – Fan Community.

Altre guide alle mappe:

 

Oggi è giorno di Patch su Warzone: stasera saluteremo l’Operazione Monarch. Ecco le novità:

Oggi è giorno di Patch su Warzone: stasera saluteremo l’Operazione Monarch. Ecco le novità:

Profilo di Stak
 WhatsApp

Questo pomeriggio, probabilmente già dalle 17, sarà disponibile al download la nuova patch in arrivo con il midseason update su Call of Duty Warzone!

L’importante update relativo alla patch di metà stagione ha già colpito il multiplayer di Vanguard, mentre fra poche ore sarà disponibile anche in battle royale.

Entrambe le mappe di Warzone riceveranno svariati aggiornamenti, mentre sono numerosi anche gli update generali relativi a Perk ed a nuove armi.

Come sempre, dovrebbe essere disponibile anche in questa occasione il pre-download entro poche ore, mentre tra le 18 e le 19 assisteremo all’aggiornamento della playlist sui server live.

Proprio con l’update della playlist scatterà anche “l’inizio” della nuova midseason patch.

Da questo pomeriggio alle 19 sarà quindi “sospesa” l’Operazione Monarch, che non sarà più disponibile in gioco. Nel caso vi dovessero mancare ancora una o più delle sfide della modalità speciale (troverete la lista qui), vi suggeriamo di approfittare di queste ultimissime ore.

Oltre al resto comunque, la nuova patch introdurrà su Warzone i seguenti “update”…

Contenuti in arrivo questa sera su Warzone

Al momento non è chiaro se con la patch seguiranno anche degli interventi di bilanciamento per le armi. Solitamente questi aggiornamenti contengono anche dei piccoli “fix” per le armi migliori/peggiori del lotto, o almeno per alcuni dei loro accessori.

Non appena saranno disponibili le note ufficiali, non esiteremo a riportarle qui su Powned.

Cosa ne pensate di queste novità community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

La gloriosa “Task Force 141” al completo in Modern Warfare 2!

La gloriosa “Task Force 141” al completo in Modern Warfare 2!

Profilo di Stak
 WhatsApp

In mezzo ai numerosi annunci relativi al nuovo Modern Warfare 2, svettano quelli relativi alle conferme di alcuni tra i più amati protagonisti del franchise.

Con il nuovo titolo torneranno infatti in azione tutti i personaggi della celebre Task Force 141, già citata anche nel teaser relativo al nuovo artwork ufficiale di MW2 (qui i dettagli).

Disponibili dal day 1 saranno infatti sia il celebre Simon “Ghost” Riley che il Capitano John Price. Insieme a loro altri due “volti noti” di Call of Duty, l’instancabile Kyle “Gaz” Garrick, e John “Soap” MacTavish.

Come quinto membro iniziale, scopriamo poi il Colonnello Alejandro Vargas, delle truppe speciali messicane. Proprio quest’ultimo personaggio, dovrebbe una volta per tutte “confermare” il tema “guerra ai cartelli della droga” previsto dai leakers per il prossimo MW2.

In questo senso, assume ancor più forza l’ipotesi secondo la quale la prossima mappa di Warzone 2 si ispirerà direttamente alla città Colombiana di Medellin.

La Task Force 141 – Modern Warfare 2 

La Task Force 141 imperversa in grande stile al porto di Long Beach per un debutto letteralmente colossale.

Questa squadra globale, formata da iconici veterani e nuove leggende alle prese con pericolose missioni sotto copertura, è pronta a inaugurare una nuova era di Call of Duty in Modern Warfare® II, disponibile dal 28 ottobre 2022.

Pochi istanti fa, Call of Duty ha svelato nuove e importanti informazioni al porto di Long Beach.

Con una composizione di oltre 8.000 metri quadrati e visibile addirittura dallo spazio, il nuovo capitolo della storica serie è stato svelato in pompa magna.

Nell’arco di 24 ore, una nave gigantesca e carica di container coperti da un telone a tema Modern Warfare II raffigurante l’enigmatico operatore Ghost della Task Force 141 ha attraccato al porto, dove un’altra immagine di MWII ha completato l’immenso puzzle.

Durante queste manovre, un drone ha registrato tutti gli spostamenti della nave svelando i primi importanti dettagli sul gioco, tra cui l’illustrazione che mostra in anteprima i nuovi membri della Task Force 141 e la data d’uscita di Modern Warfare II fissata per il 28 ottobre 2022, come si può vedere nel video disponibile al link qui sopra.

Sono giunte le prime informazioni sui membri chiave della Task Force 141, capitanata da John Price e con elementi quali il sergente “Soap” MacTavish, il sergente Kyle “Gaz” Garrick, il lupo solitario Simon “Ghost” Riley e il colonnello Alejandro Vargas delle forze speciali messicane.

Continua a seguirci, perché questa illustrazione ufficiale non è che il primo passo verso la presentazione definitiva del futuro di Call of Duty. E presto anche tu avrai la possibilità di possedere un pezzo di questa gigantesca opera d’arte e diventare parte della nostra storia.

Ma per il momento, e soprattutto:

In campana!

 

Cosa ne pensate del ritorno di tutti questi storici personaggi? Vi ricordiamo che il gioco sarà definitivamente online tra 5 mesi esatti, il prossimo 28 Ottobre!

Articoli correlati: 

Savy si ferma ad un passo dalla finale FAZE 1: “ora voglio accendere il mio PC e tornare sulla mia Live”!

Savy si ferma ad un passo dalla finale FAZE 1: “ora voglio accendere il mio PC e tornare sulla mia Live”!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Savy Faze 1 – Un’esperienza assolutamente unica quella in cui si è cimentato in queste ultime due settimane il celebre SavyUltras, pro player e content creator italiano attualmente impegnato su COD Warzone.

Il talento pugliese è infatti stato scelto per competere alla fase finale del FAZE1, contest organizzato dall’omonimo blasonato team statunitense per selezionare e mettere sotto contratto un nuovo talento con il Clan.

La fase finale di questo contest ha visto i “migliori 20” di tutto il mondo (tra cui anche il nostro Savy) sfidarsi in un vero e proprio Reality Show, andato in scena in una location segreta nel cuore della California. Osservati dalle telecamere per 24 ore al giorno, i 20 content creator hanno dovuto sostenere numerose prove e giochi di abilità.

Similarmente ad altri Reality Show, i giocatori sono stati via via eliminati nel corso delle settimane, sino ad arrivare alla Top12 di ieri sera. Il nostro Savy è riuscito a giungere sino alla serata di ieri, a meno di due giorni dalla proclamazione finale del vincitore.

L’italiano è stato eliminato insieme ad altri 5 concorrenti e si è quindi fermato ad un nulla dalla Top6 finale, che servirà a decretare il vincitore assoluto.

Scopriremo il nome del nuovo membro del FaZe Clan tra poco più di un giorno, nel corso  della serata di domani.

Il messaggio di SavyUltras alla sua community dopo il FaZe 1 (Fonte):

Come tutte le storie anche questa è volta al termine.
È andata come mi aspettavo?
Assolutamente no.
Perché non mi aspettavo di arrivare nella top 100.
Non mi aspettavo di entrare nella top 20, non mi aspettavo di andare a LA, non mi aspettavo di vedere la FaZe Warehous, non mi aspettavo di entrare nella top 12… Non mi aspettavo nulla di tutto ciò.
Io avevo già vinto.
Ma questo non mi ha frenato e ho dato il massimo.
Vi dico la sincera verità, non è stato facile.
Io gioco a COD da una vita ma faccio l’entertainer, il conten creator puro, da poco tempo.
E soprattutto essere eliminato e non sapere esattamente il perché fa un po male, ma questo non importa, è parte della vita.
Quello che so è che senza di voi non ce l’avrei mai fatta.
Ci sono stati messaggi commoventi, avete mostrato tutto il vostro amore in quella chat, e indipendentemente dal risultato, i numeri parlano chiaro e li avete visti.
Mi dispiace solo non poter fare la Reunion domani a Milano, perché lì contano solo i numeri per vincere.
Contano solo i voti e si può votare una volta sola a persona.
Se vi va, https://www.aboutyou-awards.com/vote
cliccate qua, andate nella sezione LIVE e cliccate sul mio nome.
Portiamoci a casa sto premio.
Ora ho bisogno di tornare.
Ho bisogno di arrivare a casa e mangiare un piatto di orechiette della mamma, e accendere il mio PC e la mia Live.
Per vedervi e ringraziarvi tutti.
Torno a casa Squali,
e onestamente non vedevo l’ora ❤️

L’impegno agli About You Awards

Ora Savy, passata l’esperienza con Faze, è quindi concentrato all’evento About You Awards, che andrà in scena domani in live a Milano.

Pur non potendo partecipare direttamente, Savy ha tenuto a ricordare che le votazioni per quest’altro importante contest sono ancora aperte, e che tutti i membri della family potranno sostenerlo ancora votando per lui al link https://www.aboutyou-awards.com/vote.

La replica di ieri sera – Momento dell’eliminazione di Savy dal FaZe 1

“Passion and Sacrifice”: SavyUltras è nella Top100 del FaZe1!

Articoli correlati: