Cold War, 5 consigli per la mappa Crossroads Strike

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Terzo appuntamento con la guida alle mappe di Black Ops Cold War targata Powned: a fare da protagonista è stavolta Crossroads Strike, mappa innevata ambientata nel freddo inverno dell’Uzbekistan, per la quale vedremo cinque consigli fondamentali al fine di affrontarla al meglio.

Disponibile in due versioni (una per le modalità in 6v6 e l’altra, più grande, per quelle 12v12), la mappa nella versione Strike vede l’azione svolgersi in due grandi edifici collegati da un ponte e circondati da carri armati e container militari.

Andiamo dunque a scoprire i segreti e le particolarità di Crossroads Strike per poterla giocare al meglio e capire perchè è stata da subito una delle più apprezzate del titolo Treyarch.

Cold War – 5 consigli per la mappa Crossroads Strike

Come al solito, vi ricordiamo che molti consigli e linee guida dipendono dalle modalità specifiche che si vanno a giocare, tuttavia quelli che andremo a vedere sono cinque consigli di “base” per poter costruire e migliorare il proprio stile di gioco su una mappa stretta e caotica come Crossroads Strike:

  1. Attenzione al ponte
    La maggior parte dell’azione (perlomeno, quella più frenetica) avviene all’interno dei due edifici principali, collegati unicamente da una passerella esterna. Tale ponticello è il fulcro della mappa, poichè è il modo più semplice -e rischioso- per spostarsi da una parte all’altra della mappa: proprio per questo, è importante non attraversarla a capofitto e buttarvisi dentro alla rinfusa; anzi, è sempre meglio avere un occhio (anzi una mira) di riguardo, per anticipare chi voglia attraversarla o chi vi aspetti dall’altro lato.
  2. Abbandonate la rupe
    Lo sappiamo: la rupe presente nella zona inferiore della mappa è molto attraente e golosa per chiunque voglia avere un’ottima linea di tiro su tutto il mid inferiore e la zona dei container. Tuttavia è importante capire (soprattutto nelle modalità ad obiettivi) quando è il momento giusto per difendere tale linea, e quando invece è meglio scendere dalla rupe e rinunciare a passare diversi minuti nella speranza di vedere un nemico, lasciando la vostra squadra a “lottare” senza di voi.
  3. Armi? SMG e Shotgun
    Se volete trarre il massimo da una mappa veloce e intensa come Crossroads Strike, uno dei consigli più importanti è quello di armarvi (letteralmente) del giusto arsenale: gli AR funzioneranno solo in determinate situazioni (ad esempio, dalla rupe di cui sopra) ma non avendo la mappa linee di tiro lunghe ed aperte, le SMG la fanno da padrone. Gallo e Hauer (e adesso, anche Streetsweeper) saranno i vostri migliori amici, invece, negli scontri ravvicinati all’interno dei due edifici.
  4.  Agli spawn piace cambiare
    In particolare ai due punti di spawn presenti nella parte sinistra della mappa (quella della rupe): qui è molto comune che, mentre un team si rigeneri dietro alla grande roccia, l’altro lo faccia pochi metri più a sinistra, nella parte con la strada che arriva al carro armato presente a centro mappa. Se vi rigenerate in uno di questi due punti, dunque, prestate attenzione alla vostra destra/sinistra, invece di correre subito in avanti.
  5. Mid: guardare ma non toccare
    In Crossroads Strike il mid è la zona esterna presente tra i due edifici, delineata da una parte dal carro armato e dall’altra dalla passerella che collega i due complessi. Tale zona è spesso trafficata e frequentata, ma non dovrebbe essere mai una zona dove fermarsi o credere di poter avere vantaggi. Aperta da tutti i lati (soprattutto da un headglitch molto potente dalle casse di legno nella zona aperta della mappa, davanti ai container), la zona del Mid -proprio come quella di Miami– è molto utile da controllare per qualche kill semplice e rapida, ma non è affatto cruciale averne il controllo per trionfare.

 

Ovviamente, anche su Crossroads Strike valgono tutte le regole generali di un Call Of Duty competitivo: ragionare con la testa, non essere avidi…e tutto il resto. Questi erano i nostri 5 consigli più importanti per chiunque si ritrovasse spesso in difficoltà a giocare sulla mappa Crossroads Strike di Cold War, in qualsiasi modalità di gioco. Se ne avete altri sentitevi liberi di aggiungerli nei commenti!

Questo articolo è stato realizzato in collaborazione con la community FB CALL OF DUTY ITALIA – Fan Community.

Leggi Anche:

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701