call of duty cheaters

Call of Duty, interrotto il silenzio sui cheaters: “in arrivo nuove ondate di ban”

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Con un nuovo post pubblicato su Twitter gli sviluppatori di Activision hanno finalmente interrotto il lungo silenzio che si stava protraendo riguardo la questione cheaters su Call of Duty.

Non è infatti un segreto che negli ultimi tempi i problemi siano iniziati ad aumentare, con sempre più segnalazioni riguardo a dei presunti comportamenti scorretti tenuti da tantissimi giocatori. Evidentemente il campanello d’allarme deve aver risuonato in modo molto forte anche nella sede del publisher, visto che giungono notizie sicuramente rincuoranti da questo fronte.

Secondo quanto riferito nel comunicato di ieri sera, sarebbero in arrivo nuove ondate di ban per diminuire l’impatto negativo che hanno i cheaters sul gioco…non è stata tuttavia fatta alcuna menzione riguardo a tempi e modalità, e la cosa sta tenendo parte della community con il fiato sospeso.

Come molti di voi ricorderanno infatti, nelle scorse settimane erano state fatte diverse segnalazioni rispetto a dei ban consegnati in modo del tutto ingiusto, con svariati giocatori che hanno affermato di non aver mai fatto uso di programmi di terze parti, pur avendo comunque ricevuto l’allontanamento dal titolo.

Il post ufficiale – Call of Duty Cheaters

Speriamo quindi che con i nuovi interventi vengano colpiti solamente i casi certi, e che tutti questi vengano colpiti anche con forza, perchè non è tollerabile, neanche in un singolo scontro, rischiare di compromettere la propria esperienza di gioco a causa di un imbroglione.

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701