warzone mirini

Black Ops-Warzone, alcuni mirini non mostrano il tipico “luccichio” agli avversari

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Warzone Mirini – Una scoperta che potrebbe andare pesantemente a cambiare gli equilibri nel meta di Call of Duty è stata recentemente svelata su You Tube dal content creator di Warzone JGOD.

Secondo il noto Youtuber infatti, alcuni mirini sarebbero esenti dal caratteristico luccichio che tutte le ottiche generano durante le partite. Per cercare di rendere meno avvantaggiati i giocatori che godono di una mira con lo zoom, gli sviluppatori hanno infatti deciso di inserire un luccichio estremamente visibile, che si può scorgere anche a lunghissime distanze quando un cecchino ci sta tenendo a tiro.

In questo modo, il giocatore finito nel mirino avversario ha almeno la possibilità di capire da quale direzione provengono i colpi, ma una scoperta di JGOD rischia di andare a stravolgere, almeno in parte, le scelte che i giocatori prenderanno in futuro per le loro armi.

Facendo numerosi test, JGOD ha infatti scoperto che alcuni mirini non producono questo luccichio. In particolare, sembra che il tipico luccichio presente su tutti i mirini 2X-4X non sia invece presente nello standard 4X. Anche l’ottica 6X e quella 2X-20X sui fucili di precisione incredibilmente non generano il bagliore, e la cosa è ancor più bizzarra se si considera che proprio l’ultima ottica citata è capace di farci sparare a distanze davvero “siderali”.

La cosa attende ancora una conferma da parte di Activision, e non è chiaro se sia voluta o se si tratti effettivamente di un bug. Di sicuro non è un aspetto che fa bene alla scena competitiva, che proprio ieri ha ricevuto una serie di critiche da parte del celebre Scump.

Secondo il noto professionista infatti, pur ammettendo l’assoluto fascino del meraviglioso Battle Royale di Activision, vi sarebbero troppe cose casuali, troppe scappatoie, ed in generale troppo poco rigore perché Warzone possa essere valutato  come un titolo ad alta competitività.

Basti pensare alla situazione spesso “falsata” delle lobby (di cui abbiamo parlato in un altro aggiornamento, clicca qui per approfondire), una “scappatoia” a cui pare stiano facendo affidamento diversi professionisti per ottenere partite sensazionali e che ha gettato caos all’interno della community.

Più rigore e meno vie d’uscita per chi preferisce un gioco meno “onesto” e leale quindi, sono i concetti fondamentali secondo Scump perchè si generi una scena competitiva degna di Warzone…una cosa che a questo punto potrebbe anche essere “traslata” proprio sul discorso legato ai mirini.

Questo articolo è stato realizzato in collaborazione con la community FB CALL OF DUTY ITALIA – Fan Community.

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701