Wraith la leggenda più popolare di Apex Legends!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Grazie alla recente pubblicazione i alcuni interessanti dati da parte del sito play-apex.net è stato possibile scoprire delle informazioni circa l’utilizzo che i giocatori fanno, nella stragrande maggioranza dei casi, delle leggende di Apex.

Play Apex è un portale che tiene traccia di moltissime partite (nella home vengono riportate più di mezzo milione di sfide complessive) ed attraverso i dati raccolti lo staff riesce a stilare varie classifiche, alcune meno importanti ed altre decisamente più interessanti, come quella relativa alla “popolarità” dei personaggi, che andremo ora a vedere nel dettaglio.

La classifica (basata sui dati raccolti da play-apex)

  • 1 WRAITH 18.7%
  • 2 OCTANE 16.5%
  • 3 LIFELINE 15%
  • 4 PATHFINDER 13.5%
  • 5 BANGALORE 12.9%
  • 6 BLOODHOUND 7.7%
  • 7 MIRAGE 6.3%
  • 8 CAUSTIC 4.9%
  • 9 GIBRALTAR 4.3% 

Stando a quanto riportato da questo sito sarebbe Wraith la leggenda più scelta in assoluto, giocata da quasi 2 giocatori ogni 10 nelle partite classificate, seguita a breve distanza da Octane e da Lifeline (che chiude al 15%).
Al quarto posto Pathfinder con il 13.5% e subito dopo Bangalore (con mezzo punto di distacco) che chiudono la parte alta della classifica dove trovano posizione le leggende più usate del gioco.

Dopo Bangalore infatti troviamo Bloodhound, Mirage, Caustic e Gibraltar, tutti scelti da meno dell’8% dei giocatori del campione in analisi, con l’ultimo citato, Gibraltar, scelto solamente dal 4.3% dei players di Apex Legends.
Cosa ne pensate di questa classifica community?
Condividete il fatto che sia Wraith il personaggio più scelto del gioco, e che Caustic e Gibraltar siano invece le due leggende meno facili da incontrare in sfida?
La discussione è aperta!

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.