Respawn aveva considerato per Apex un sistema simile a quello di CS:Go

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Durante una recente diretta streaming il celebre giocatore di Apex Legends Shroud ha svelato alcuni interessanti dettagli circa il passato del titolo Battle Royale fatto da Respawn.

Secondo Shroud infatti, all’inizio anche su Apex Legends era stata valutata l’idea di inserire un sistema per gli upgrade delle armi e dei nostri oggetti da un round all’altro, similarmente a quanto accade su Counter Strike: Global Offensive.
Per chi non lo sapesse, su CS:Go si guadagnano soldi in base a come si sta giocando in quel dato round: maggiori saranno le kill o, più in generale, le prestazioni conseguite durante la sfida e maggiore sarà la disponibilità di contanti da spendere per comprare armi più potenti ed incisive per il round successivo.

Ecco come funziona su CS:GO: al termine di un round avremo la possibilità di comprare nuove armi ed equipaggiamento da aggiungere per il prossimo round.

Stando a quanto riferito da Shroud, che essendo un professionista contattato da Respawn ha avuto la possibilità di provare e vedere il gioco ben prima del rilascio ufficiale di qualche mese fa, questo sistema era stato in qualche modo valutato anche dagli sviluppatori di Apex Legends anche se poi il tutto si è risolto in un nulla di fatto.
Nello specifico, Shroud ha accennato alla presenza di questo sistema come ad un qualcosa di progettato più per i “pro match” e per la modalità classificata piuttosto che per il gioco random.

Cosa ne pensate dell’eventuale aggiunta di un sistema di valuta simile a questo? Credete possa apportare delle migliorie al sistema competitivo di questo giocatissimo titolo?

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.