La rivolta dei fan sulle microtransazioni di Apex Legends!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Apex Legends è un gioco free-to-play disponibile sulle tre principali piattaforme di gaming, ovvero PS4, XBox e PC, tuttavia, come è logico pensare, in qualche modo sia Respawn che EA attuano dei sistemi per avere un ritorno economico.

Negli ultimi giorni la community sta fornendo feedback negativi per quanto riguarda l’evento The Iron Crown, specialmente per quanto riguarda l’impossibilità di acquistare singolarmente gli elementi preferiti, costringendo i gamers ad acquistare i pack da 700 monete Apex (7 euro l’uno) e affidarsi alla casualità e fortuna.

Anche dopo l’ultimo aggiornamento, di cui ne parliamo qui, i fan si rivoltano e commentano negativamente le scelte di Respawn nel post di Reddit ufficiale.

Come leggiamo di seguito, questo utente ricorda a tutti che EA ha già usato questi sistemi in altri giochi come Titanfall, FIFA e Battlefield, in cui inizialmente ci sono microtransazioni elevate, poi dopo varie lamentele, la software house cambia il sistema di monetizzazione, come in questo caso vendere una skin esclusivamente estetica a 20 dollari.

Inoltre uno sviluppatore, sta rispondendo a molti commenti sul post ufficiale, cercando di arginare questa spaccatura che si è creata tra i fans e Respawn, ecco una delle risposte più cliccate dalla community.

Chiaramente i fan richiedono un sistema diverso per ottenere ciò che vogliono, ovviamente nulla sarà gratis, ma in questo caso dell’evento, per ricevere tutti gli oggetti collezionabili bisogna spendere oltre 200 euro, così facendo si “sblocca” il cimelio di Bloodhound, il quale costa ulteriormente 3500 monete Apex (35 euro).

Insomma, a detta della community, questa volta EA e Respawn hanno esagerato, quindi probabilmente questi feedback servono da lezione per i futuri eventi.