Apex Legends, svelate le origini di Bloodhound e il nuovo evento Le vie degli antichi

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Attraverso un video YouTube, sono state svelate le origini nordiche di Bloodhound. In arrivo anche l’evento Le vie degli antichi con una nuova modalità di gioco, skin esclusive e percorso evento a premi.

A partire dal 7 aprile, la modalità DUO sarà aggiunta definitivamente al gioco insieme alla modalità Trio, oltre alla rotazione mappe permanente del Kings Canyon e World’s Edge.

L’evento Le vie degli antichi, che si svolgerà dal 7 al 21 aprile, includerà:

  • Nuovo evento – Prove di Bloodhound
  • Percorso evento a premi
  • Nuovi oggetti nel negozio
    • Nuovi oggetti cosmetici limitati
    • Ritorno delle skin Caccia leggendaria

Nuovo evento – Prove di Bloodhound

Quando gli Apex Games giunsero al World’s Edge, i grandi predatori abbandonarono l’area, portando ad un’esplosione della popolazione di Prowler. La maggior parte furono individuati in una tana nell’area nord-ovest dell’arena, e lì Bloodhound vide un’opportunità: mantenere l’ecosistema facendo combattere gli umani contro le bestie.

Tuffatevi nelle Prove di Bloodhound, dove insieme alla vostra squadra combatterete contro un branco di Prowler e otterrete un bottino di livello alto come ricompensa. Ma attenzione ai nemici più pericolosi: le altre Leggende che vogliono saccheggiare quei bottini. Nei momenti di tranquillità, non dimenticate di esplorare la recinzione, soprattutto con un certo cacciatore al vostro fianco.

Percorso evento a premi Le vie degli antichi

Come parte dell’evento Le vie degli antichi, avrete la possibilità di completare le sfide giornaliere e ottenere oggetti cosmetici esclusivi ispirati dal nuovo corto digitale Storie di Frontiera: le vie degli antichi. Ecco qui le ricompense:

Saranno aggiunte skin ispirate al video delle origini di Bloodhound, ecco quali saranno:

Infine, torneranno nel negozio le skin dell’evento Caccia leggendaria, con 2 varianti per le skin di Wraith e R-301:

Per ulteriori informazioni sull’evento, visita la pagina ufficiale.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701