Anche per Shroud arriva l’accordo in esclusiva su Mixer!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Dopo Ninja anche il celebre streamer Shroud decide di lasciare Twitch per trasferirsi, in esclusiva assoluta, sul noto portale di streaming Mixer.

La notizia circola ormai da diverse ore, e sembra che il noto giocatore di Apex Legends (titolo nel quale Shroud svetta a livello mondiale) abbia scelto il 24 Ottobre per passare alla piattaforma Microsoft perché lo stesso giorno c’è stato il lancio ufficiale del nuovo Call of Duty: Modern Warfare.

Brutto colpo per Twitch! Ninja diventa esclusiva Mixer

A nemmeno 24 ore dall’apertura del canale infatti, Michael “Shroud” Grzesiek può già vantare sul suo nuovo canale più di 300 mila follower…un dato davvero “piccolo” se confrontato alle 7 milioni di persone che lo seguivano assiduamente su Twitch, ma che comunque mostra, con estrema chiarezza, quanto seguito abbia questo sensazionale giocatore.

Shroud è quindi il secondo streamer di un certo livello che decide di trasferirsi sulla nota piattaforma…per Ninja furono fondamentali le svariate decine di milioni di Dollari che Microsoft gli fornì per convincerlo a passare con loro, ed è altamente probabile che una cifra simile sia stata nuovamente spesa anche per il giocatore di Apex Legends.

Prosegue quindi la “guerra” dello streaming, anche se Twitch, che recentemente ha anche annunciato una nuova partnership con la Formula Uno (oltre che con varie personalità pubbliche, una su tutte…il Presidente Trump), non sembra affatto in una situazione di difficoltà…anzi…

Trump apre il suo canale Twitch e trasmette in diretta da Minneapolis

Cosa ne pensate della decisione di Shroud? La discussione è aperta!

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.