AMD annuncia: “Battle pass in arrivo il 12” ma poi ritratta

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Qualche giorno fa la celebre AMD (azienda produttrice di Hardware e componenti PC) ha pubblicato uno stranissimo post sul profilo ufficiale Twitter, all’interno del quale venivano riportate moltissime informazioni riguardo alle novità in arrivo su Apex Legends.

Nel testo pubblicato da AMD si legge infatti: “Due delle armi più popolari di Apex Legend sono state colpite dai nerf questa settimana, e martedì verrà introdotta una patch di bilanciamento per alcune delle tue leggende preferite. Il Battle Pass e la Stagione 1 sono all’orizzonte…”.
Il post ha ovviamente scatenato una grande ondata di hype, che ha portato su quello specifico Tweet moltissimi giocatori di Apex, increduli rispetto a quello che stavano leggendo.
Qualche giorno prima della pubblicazione del post alcuni membri del team di AMD sono andati a fare visita a Respawn (come segnalato anche dagli sviluppatori di Apex) in sede, ed è per questo che molti credono che in quella specifica circostanza AMD è venuta a conoscenza di alcuni dei piani futuri di Respawn, salvo poi farsi “sfuggire” tutto sui social.

Il post ha fatto cosi tanto rumore che AMD è dovuta intervenire nuovamente sui social, spiegando che non si trattava ne di un post clickbait ne di un post con informazioni prese da un insider ma che si è trattato unicamente di un “mistake”, di un loro errore nell’ipotizzare la data di uscita della prossima patch e dei suoi contenuti.

Una situazione sicuramente poco chiara, che troverà comunque risposta entro questa settimana (o al massimo entro fine mese) dato che alcuni dei nuovi contenuti dovrebbero essere ormai prossimi alla pubblicazione ufficiale.

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.